POESIE - MOLISE
Pagliare 'e fantasie

Dialetto: Molise

Pagliare 'e fantasie
Lame de luce fàucene la notte
ecresce nu pagliare ‘é fantaije:
pé mmieze a chella paglia a file a file
ore va a retruvà l’anema mija.
(N’ome mpazzisce là pé la campagna
mbriache ‘e viente e de cinciune:a ‘u scure
ze fa castielle mo na massarija;
ghianca svota la vija...E torna l’ombra.)

Stelle cadute e fuoche de restoccia
Ardena ancora ncima a la cullina
Fratta de luce tra la terra e ‘u ciele.
Stelle che ntienne forza pe’ fà lume..
Suonne c’hanne paura a piglià vita...
Vucw, e nen siente suone de parole...
Speranze moret che sule ent’u core
Resonene. E retruove
Luce vita parole.



Traduzione in italiano

Pagliaio di fantasie
Lame di luce falciano la notte
e cresce un pagliaio di fantasie:
in mezzo a quella paglia filo per filo
ora vo' a ritrovare l’anima mia.
(Un uomo impazzisce là per la campagna
ubriaco di vento e di cenci: all’oscuro
si fa castello ora una masseria ;
bianca svolta la via...E torna l’ombra)

Stelle cadute e fuochi di stoppia
ardono ancora in cima alla collina
siepe di luce tra la terra ed il cielo.
Stelle che non hanno la forza per far lume...
Voci,e non senti suoni di parole...
Speranze morte che solo nel cuore
risuonano. E ritrovi
luce vita parole.




Racconto inviato da: Nina Guerrizio