POESIE - SICILIA
Attu ri luluri
Anticamente i nostri padri lo recitavano ogni sera prima di andarsi a coricare o quando si confessavano. Oggi c'è la nuova versione del'atto di dolore per confessarsi.
Dialetto: Sicilia

Attu ri luluri
Ju mi dogghiu e mi pentu,
Signuri, cu tuttu lu cori
ri li piccati tutti caju fattu
'nta tuttu lu tempu ri la me vita.
Nun sulu pirchì piccannu aju persu
lu Pararisu e miritatulu 'nfernu,
ma principalmenti pirchì aju offisu
a Vui, Summu beni, dignu d'essiri amatu
supra tutti li cosi.
Vi prumettu veramenti, o Signuri,
aiutatu ra la vostra santissima razzia,
ri mai cchiù piccari, anzi amarivi,
sirvirivi e darivi gustu, pirchì
Vui lu miritati, e ju lu divu fari.


Traduzione in italiano

Atto di dolore
Io mi dolgo e mi pento,
Signore, con tutto il cuore
di tutti i peccati che ho fatto
in tutto il tempo della mia vita.
Non solo perchè peccando ho perso
il Paradiso e meritato l'inferno.
ma principalmente perchè ho offeso
Voi, Sommo bene, degno di essere amato sopra tutte le cose.
Vi prometto veramente, o Signore,
aiutato dalla vostra santissima grazia,
di non peccare più, anzi amarvi, servirvi e darvi gusto,
perchè Voi lo meritate, e io lo devo farlo.

Racconto inviato da: Anonimo