POESIE - SICILIA
Matri ri Misiricordia
In occasione del 150° del Dogma dell'Immacolata anche se veneto di nascita per amore della terra dei miei genitori: la Sicilia ho trascritto e tradotto con del nuovo la preghiera che i miei nonni recitavano la sera.
Dialetto: Sicilia

Matri ri Misiricordia
Matri ri misiricordia,
Matri ri lu nostru Signuri.
Ju ti preju ppi la me vita
e 'nti tia speru
ppi na' santa morti.
Ti salutu cu tanta filicità
e fa ca' li suffrimenti
m'ana passari.
Matri bedda, suspiramu
ccu scantu e ciantu
'nti stu vadduni ri lacrimi.
Semu certi ca' Tu 'na difenni
doppu chiddu c'ha dittu
lu nostru Cardinali
Turi De Giorgi
quannu finiu la cilibrazioni ri la Santa Missa
affidannuni a 'Ttia.
Ti salutu o Riggina,
ca' cu' la to' climenza
duci e pia
n'ammiti a ripetiri sempri
Vergini Maria proteggi
la Sicilia ri li cosi tinti
ca' succerunu 'nti lu munnu:
Ammazzatini, terrorismu, guerre
e vastasati tra l'omu e a fimmina
ca ficiru scumparriri la famigghia.


Traduzione in italiano

Madre di Misericordia
Madre di Misericordia,
Madre del nostro Signore.
Io ti prego per la mia vita
e in Te spero
per una santa morte.
Ti saluto con tanta felicità
e fa che le sofferenze
mi debbono passare.
Madre bella, sospiriamo
con paura e pianto
in questa grande valle di lacrime.
Siamo certi che Tu ci difendi
dopo quello che ha detto
il nostro Cardinale
Salvatore De Giorgi
quando ha finito di celebrare la Santa Messa
affidandoci a Te,
Ti saluto o Regina
che con la Tua clemenza
dolce e pia
ci inviti a ripetere sempre
Vergine Maria proteggi
la Sicilia dalle cose brutte
che succedono nel mondo:
Ammazzatine, terrorismo, guerre
e furberie tra uomo e donna
facendo scomparire la famiglia.

Racconto inviato da: Paolo Campisi