POESIE - LAZIO
Er 2 novèmmre

Dialetto: Lazio

Er 2 novèmmre
Piove. Er prato se ricopre de mollàccia.
La gente core sverta ..poveraccia,
cercannose un riparo dalla lùscia.
Er temporale tòna, er vento sciùscia...
La pioggerella, contro le vetrate,
sembra canti antiche ballate,
che Quarcuno da lassù vò dedicà,
a tutti quelli, che invece de ballà
stanno in silenzio...senza più parlà..
Perchè oramài ..già tutto, loro sanno...
puro si so’ riposti sotto tèra..
ar buio..ner silenzio più profònno.





Traduzione in italiano

Il 2 novembre
Piove. Il prato si riempie di fanghiglia.
La gente corre svelta..poveretta,
cercando un riparo dalla pioggia.
Il temporale tuona, il vento soffia...
La pioggerella, contro le vetrate,
sembra cantare antiche canzoni,
che Qualcuno da lassù vuole dedicare,
a tutti quelli che invece di ballare
stanno in silenzio..senza più dire una parola...
Perchè ormai..già sanno tutto...
anche se sono sotto terra...
al buio..nel silenzio più profondo.

Racconto inviato da: Paola Durantini