POESIE - LOMBARDIA
La Luna
Una notte, guardando la luna piena, ho sentito di appartenerle e lei mi ha raccontato il viaggio che ho dovuto percorrere per diventare quella che sono.
Dialetto: Lombardia

La Luna
Me s'è morzà el lumm, me s'è scurii la stanza,
ma vedi on fil de fumm, forse on fil de speranza.

E fò vagà i penser. L'è tardi, già la v'una.
Se squaten i mister, sòta la végia luna.

L'é lì,l'é drè guardamm. La illumina el paes
che 'l sè scordà i afann e i sògn gh'hann pu de pees.

Rispondi al sò souris. Che facia ciara e tonda,
la parla e la me dis che chi nient se sprofonda.

Perché ghe s'eri già, quand l'é nasuda lee.
La voeur famm ricordà che s'eri el sò belee.

Vagavi 'n'de la nòtt, 'n'de la polver di stèll.
Sui spall el mé fagòtt con dent el mé fardèll.

Milion de ann a spass, su e giò intorna al mond.
Domà 'l temp de fermass, a vjv on quei second.

S'eri el sò car belee, la m'ha tignu visjn
ma per podemm vidè, la m'ha molaa 'n cicjn.

La nott per saludala, và el mond in contraluss
vedi tuss'còss che bala, dinans al sò bel muss.

La briila e la comanda i penser, omor e vizi.
"Permétt ona domanda? Perché g'ho pu caprizi?"

"E teera, e luna, e teera; on quèi còss t'avrèe imparaa,
la vita l'è ona guerra, gh'è minga de scherzaa!
Se poeu anca vès alegher, fidass de la fortuna,
ma anca la nev l'é negra, spegiada in de la luna".



Traduzione in italiano

La Luna
Mi si è spenta la luce, si è scurita la stanza.
Ma vedo un fil di fumo, forse un filo di speranza.

E faccio vagare i pensieri. E' tardi, già l'una.
Si scoprono i misteri. sotto la vecchia luna.

E' lì, mi sta guardando. E illumina il paese
che s'è scordato gli affanni e i sogni non hanno più peso.

Rispondo al suo sorriso. Che faccia chiara e tonda.
Lei parla e mi dice che qui niente sprofonda. ( nulla si perde)

Perchè io c'ero già anche qundo è nata Lei.
Vuol farmi ricordare che ero il suo tesoro.

Vagavo nella notte, nella polvere di stelle.
Sulle spalle il fagotto con dentro il mio fardello.

Milioni di anni a spasso, su e giù intorno al mondo.
Solo il tempo di fermarsi a vivere qualche secondo.

Ero il suo caro tesoro e mi ha tenuta vicino
ma per potermi vedere mi ha mollata un pochino.

La notte per salutarla va il mondo in controluce,
vedo tutto che balla davanti al suo bel muso.

Lei, brilla e comanda pensieri, umori e vizi.
"Permetti una domanda? Perché non ho più capricci?".

"E terra, e luna, e terra.. qualcosa avrai imparato.
la vita è una guerra, c'è poco da scherzare.
Si può anche essere allegri, fidarsi della fortuna,
Ma anche la neve è nera...riflessa nella luna".


Racconto inviato da: Loredana Moroni