POESIE - MOLISE
Lu ddu 'e nuembre

Dialetto: Molise

Lu ddu 'e nuembre
Lu ddu nuembre (che...nen fusse festa?!)
tu vire a la chiazzetta sule sciure,
a la purtata'e tutte le trature;
lla,dent'a le quartare-e nn'é menestra!

Perciò quanne po trasce a 'u campusante
te pare pe davere nu ciardine...
e va geranne...Vide!?...Neculine
è muorte!!..Pure quisse?!..Propie tante,

le sa?,ze ne so jute a l'auto munne
che mo la morte nen me fa paure!
...Tata..tatille..figlieme a la guerra

-tanne,fose pe tutte nu zeffunne!-
e...se nen fusce viva mo tu pure,
sule..me sentarri' ngopp'a la terra.


Traduzione in italiano

Il due di novembre
Il due di novembre(che fosse per caso una festa??)
tu vedi nella piazzetta solo fiori,
alla portata di tutte le borse
là,dentro al quartario, e non è verdura!

Perciò quando poi entri nel camposanto
ti pare di vedere un giardino
e vai in giro..Vedi!?..Nicolino
è morto!!..Pure lui?!..proprio tanti,

lo sai? se ne sono andati all'altro mondo
ed ora la morte non mi fa più paura!
...mio padre...mio nonno, mio figlio in guerra

- allora fu per tutti un uragano!
e...se non fossi viva tu
solo..mi sentirei su questa terra!!!!

Racconto inviato da: Nina Guerrizio