POESIE - CALABRIA
A Luci

Dialetto: Calabria

A Luci
Dialetto di Montalto Uffugo (Cosenza)

A ru principiu un c'era propriu nenti,
mancu na ficu muscia o nu sirpenti.
C'era na mmisc'katoria generali:
un c'er'u bbeni, nè c'era ru mali.

U Patritiernu si nni stava sulu
a cavaddru du vientu ca jiujjiava,
facìa ra mossa ca nun ci pinzava
e 'mmeci n'Terra dirigìu lu vulu.

'Ntra chiru scuru si sintì a na vuci
"Iju vuogliu fà’ na cosa: fazz'a luci!"
A ru mumentu, 'ncielu, na faciglia
appiccia’u suli, ch'è na maraviglia.




Traduzione in italiano

La Luce
In principio non c'era proprio niente,
nemmeno un fico secco od un serpente.
C'era un miscuglio generale:
non c'era il bene, nè c'era il male.

Il Padreterno se ne stava solo
a cavallo del vento che soffiava,
mostrava di non pensarci
e invece diresse il volo verso la Terra.

In quel buio si sentì una voce
"Io voglio fare una cosa: faccio la luce!"
In quel momento, in cielo, una scintilla
accese il sole, ch’è una meraviglia.


Racconto inviato da: Benito Ciarlo