POESIE - LOMBARDIA
EL FIOCA
Una semplice osservazione del paesaggio mentre nevica e ripreso con un blocco di carta e una matita in diretta.
Dialetto: Lombardia

EL FIOCA
La vegn giò anca mò la nev.
I fiòch leger e alegher
se posen dasi e liev
el mond l'è in bianc e negher.

Me paren di farfalett
giren e balen in ponta
e quaten giò el sò lètt
cont'na calda preponta.

L'è sòfice, impalpabill
el par già on alter mond
la smussa tucc i angol
e spigol se fan tond.

Anch'el bosc el par d'argent
come 'na cartolina,
ma i ram de pin tròp pien
a sbasen la crapina.

L'acqua l'è pusè scura
i sass gh'han su el capèll.
La cour senza paura
e 'l foss l'é pusè béll.

Che sera bèla e ciara!
Ma ormai el fioca pù.
Nev e luna fan a gara
a chi l'è che brila de pù.

I pass se fann leger
se sent pù de romor
Stà cito!..L'è on dover!
El coeur l'è pien d'amor.


Traduzione in italiano

NEVICA
Cade ancora la neve
i fiocchi leggeri ed allegri
si posano adagio e lievi,
il mondo e in bianco e nero.

Sembrano farfalline
girano e danzano in punta
e coprono il loro letto
con una calda trapunta.

E' soffice, impalpabile
sembra già un altro mondo
smussa tutti gli angoli
e ogni spigolo si fa tondo.

Anche il bosco par d'argento
come in una cartolina
Ma i rami di pino troppo pieni
abbissano la testolina.

L'acqua è già più scura
i sassihan su il cappello.
Corro senza paura
e il fiume e già più bello.

Che sera bella e chiara!
Ma ormai non nevica più.
Neve e luna fan la gara
a chi brilla di più.

I passi si fan leggeri
non si ode più un rumore.
Star zitto..è un dovere!
E il cuore è pieno d'amore.

Racconto inviato da: Loredana Moroni