POESIE - CALABRIA
Matri

Dialetto: Calabria

Matri
Dialetto calabro-montaltese

Ni simu fatti vijecchi tutti i duvi
ed oj vivimu 'nsiemi a n’atra banna
ma si te guardu me ricuordu adduvi
stàvamu tannu, quannu cc’era nanna.
Si guardu l’uocchi tua viju la muntagna
viju chira chiazza supr’all’Acqua 'a Curta,
e sientu la ciròma e mangiu a sagna,
e pienzu ca la vita nunn’è storta :
mo simu cca, luntanu du paijsi
ka n’ha vistu pizzenti e senz’arnìsi,
ccu tutti i figli, nati muntatisi,
e nu vurvinu i nori piamuntesi,
jènnari alessandrini giargianisi
e niputi chi parra in modu stranu
ka tutti quanti sannu u muntatisi,
a parrata di ddruòcu e l’italianu...
E ra sir’i Natali, quanta genti
adduv’attija si trova ppi fa festa !
Si pruovi a ri cuntà nun c’escia nenti
picchì su tanti i nuostri, e l’atri 'mpresta !
E quannu vinti, quannu na trentina
attuornu a kira tavula mbannita
ni ricurdamu i quannu, a ra matina,

pidizzi ccu capizzi era ra vita...
Ni ricurdamu i kini sinn’è jutu
e pocu s’è gudutu u cambiamentu
e nuvi ca simu li sopravvissuti
a Ddiu dicimu l’arringrazziamientu.
Pu’, davante a ra pasta ccu le sarde,
alla frittura i pisci e cim’e rapa
nun c’è malincunia k’un si disperde
ed alligrizza chi nun vena 'ncapa.



Traduzione in italiano

Madre


Ci siamo fatti vecchi tutti e due
ed oggi viviamo insieme in un altro posto
ma se ti guardo mi ricordo dove
stavamo allora, quando c’era la nonna.
Se guardo i tuoi occhi vedo il monte,
Vedo la piazza sull’Acqua della Corte
e sento il chiasso e mangio la sagna
e penso che la vita non è storta:
adesso siamo qui, lontano dal paese
che ci vide pezzenti e senza arnesi,
con tutti i figli, nati montaltesi,
e un vivaio di nuore piemontesi,
generi alessandrini giargianesi
e nipoti che parlano in modo strano
che tutti quanti sanno il montaltese,
la parlata di qui e l’italiano...
E la sera di Natale, quanta gente
si ritrova da te per fare festa!
Se provi a contarli non ci riesci
perché sono tanti i nostri e quelli in prestito!
A volte venti, a volte una trentina
attorno a quella tavola imbandita
ci ricordiamo di quando, alla mattina,

pidizzi ccu capizzi era la vita...
Ci ricordiamo di chi se n’è andato
e poco si è goduto il cambiamento
e noi che siamo i sopravvissuti
a Dio diciamo il ringraziamento.
Poi, davanti alla pasta con le sarde,
alla frittura di pesce e alle cime di rape
non c’è malinconia che non si disperda
ed allegria che non venga in testa.



Racconto inviato da: Benito Ciarlo