RACCONTI - SICILIA
Giufà, tirati la porta
"...Giufà prende alla lettera le parole altrui, spesso portando le situazioni ad esiti imprevedibili." I racconti di Giufà e altre storie, a cura di Giuseppe Celona e Benedetto Sergi, Edizione Greco.
Dialetto: Sicilia

Giufà, tirati la porta
'Na vota la matri di Giufà iju a la Missa; dici:
---Giufà, vaju a la Missa; tirati la porta.
Giufà, comu nisciu so matri, pigghia la porta e la metti a tirari, tira tira, tantu furzau ca la porta si nni vinni. Giufà si la càrrica 'n coddu, e va a la Chiesa a jittariccilla davanti di so matri:
---Ccà cc'è la porta!...
Su' cosi chisti?!...

(Pitrè, "Fiabe", III)


Traduzione in italiano

Giufà, tirati la porta
Una volta la madre di Giufà andò a Messa.
---Giufà, --- gli disse --- vado a messa; tirati la porta.
Giufà, appena la madre uscì, afferrò la porta e la cominciò a tirare. Tira e tira, tanto la forzò che la porta si staccò. Giuf à se la mise sulle spalle e andò in chiesa a buttargliela davanti a sua madre:
---Qui c'è la porta!...
Son cose queste?!...

(Celona e Sergi)

Racconto inviato da: Giuseppe Pitrè