POESIE - VENETO
Tochi de canpana
Poesia di Leda Ceresara Rossi, poetessa del Cenacolo Paeti "El Graspo" di Thiene
Dialetto: Veneto

Tochi de canpana
Un sospiro de gelo rento l'anima
ga piegà i fiuri tuti zo par tera
e na nuvola scura solitaria
ga sconto el sole che par quasi sera.

I osei che poco prima fra le piante
i jera tuto un canto de alegria,
zolando bassi i xe na via distante
e pigolando pian pare che i cria.

Se sconde le sixile soto el coerto
e tase el vento, tase le sigale,
su un bocolo de rosa pena verto
na pavejeta ga sarà le ale.

Te sto silenzio misterioso e fondo
se alsa un tóco tristo de canpana,
tel canto sensa fine de sto mondo
se smorsa l'armonia. More na mama.











Traduzione in italiano

Rintocchi di campana
Un sospiro gelido dentro l'aria
ha piegato tutti i fiori giù per terra
e una nuvola scura solitaria
ha nascosto il sole che pare quasi sera.

Gli uccelli, che poco prima fra le piante
erano tutto un canto d'allegria,
volando bassi se ne sono andati distante
e, pigolando piano, pare che piangano.

Si nascondono le rondini sotto il tetto
e tace il vento, tacciono le cicale,
sopra un bocciolo di rosa appena aperto
una farfallina ha chiuso le ali.

In questo silenzio misterioso e profondo
si alza un rintocco triste di campana,
nel canto senza fine del mondo
si spegne l'armonia. Muore una mamma.


Racconto inviato da: Leda Ceresara Rossi