POESIE - SICILIA
Prijera ri dogghi
E una preghiera che usavano i nostri avi quando doveva partorire qualcuno della famiglia. Le donne giovani pregavano, le donne anziane assistevano al parto cu' a Mammana o Levatrice.
Dialetto: Sicilia

Prijera ri dogghi
A vui preju, Vergini Maria,
ri mettiri l'occhiu a la via.
A vui preju santu Ramunnu:
ratici 'npartu rittu e tunnu.
Avui preju San Vicenzu Ferreri:
rati la testa e nun rati li peri.
Santa Maria, Matri ri Diu,
chista è l'ura ri lu partu miu.
Matri Santa, nun mi lassati
'nta 'stu tempu 'i nicissitati;
pirchì, Matri la vostra rucizza
'nta 'stu partu mi duna furtizza.
Matri Santa, la vostra assistenza
'nt 'stu tempu mi runa pacenza.
Santu Libiratu, criatura cuccatu!
Santu Nicola criatura fora!
Sants Liunarda,
'na dogghia lesta e gagliarda!
Matri Sant'Anna,
'na bona dogghia e 'na figghianna!
Santa Liunarda piatusa,
aiutati sta fimmina cunfusa.
Santu Binirittu,mittitulu rittu!
Santa Maddalena, rittu e senza pena!
Santa Marghirita, libira e sbrogghia
st'animuzza cu' 'n'autra dogghia!


Traduzione in italiano

Preghiera delle doglie
Io prego voi, Vergine Maria,
di mettere l'occhio alla via.
Io prego voi, San Raimondo:
datele un parto diritto e tondo.
Io prego voi, San Vincenzo Ferreri:
date la testa e non date i piedi.
Santa Maria, Madre di Dio,
questa è l'ora del parto mio.
Madre Santa non mi lasciate
in questo tempo di necessitate;
perchè Madre, la vostra dolcezza
in questo parto mi dà fortezza.
Madre Santa la vostra assistenza
in questo tempo mi dà pazienza.
San Liberato, creatura coricato!
San Nicola, creatura fora!
Santa Leonarda,
una doglia lesta e gagliarda!
Madre Sant'Anna,
una buona doglia e una buona figlianna!
Santa Leonarda pietosa,
aiutate questa donna confusa!
San Benedetto, mettetelo diritto!
Santa Maddalena dritto e senza pena!
Santa Margherita, libera e sbroglia
quest'animuccia con un'altra doglia.

Racconto inviato da: ricordata da Paolo Campisi