POESIE - LOMBARDIA
Cinquant'ann
Risale a qualche anno fa' questa riflessione. Il compimento dei cinquant'anni regala una particolare lettura di vita specialmente per le donne. I figli son cresciuti e ci si guarda dentro per vedere se stesse in rapporto agli altri. Io l'ho vissuto così.
Dialetto: Lombardia

Cinquant'ann
Ogni tant me capita de pensà
che mi son on sògn
che 'n quèi vun el s'è scordà de fa'.

Da quand s'eri ammò in di brasc
de la mia cara mama Luna
g'ho l'impression de vèss borlada giò.

On pòr òmm ch'el pasava de lì
el m'ha brancà al volo.
Ma quand el m'ha guardà, l'ha dii:
"E adéss se me ne fou de che la roba chì?"

L'ha pensa: "Metemela in d'on canton,
che prima o dòpo la vegnarà bòna,
tant lèe la sta lì senza dà fastidi.
Nascondemela a l'ombria".

Prima la Luna, dopo l'ombria,
adéss gh'è la rugin
e i ragnatel in di cavèi.

E son semper lì,
sconduda in d'on canton
Ogni tant 'n quei vun el me spòsta.
Che pirla!
El credeva che mi s'eri 'n quèi còss.
L'ha minga capì che mi son on sògn
che on quei vun el s'è scordà de fà.
Son minga roba de butà in d'on canton.
"SON MINGA ROBA...MI SON UN SOGN"


Traduzione in italiano

Cinquant'anni
Talvolta mi capita di pensare
che io sono un sogno
che qualcuno s'è scordato di fare.

Da quando ero ancora nelle braccia
della mia cara mamma Luna
ho l'impressione di essere caduta giù.

Un pover uomo che passava di lì
mi ha afferrata al volo.
Ma quando mi ha visto, ha pensato:
"Ed ora che cosa me ne faccio di questa cosa?".

Ha pensato:"Mettiamola in un angolo
che prima o poi tornerà utile,
tanto lei se ne sta lì, senza dare fastidio.Nascondiamola all'ombra".

Prima la luna....poi l'ombra.
Adesso ho la ruggine
e le ragnatele nei capelli.

E sono sempre lì
nascosta in un angolo.
ogni tanto qualcuno mi sposta.
Che sciocco!
Credeva che io fossi una "cosa"
Non ha capito che io sono un sogno
che qualcuno si è scordato di fare.
Non sono una cosa da buttare in un angolo.
"NON SONO UNA COSA...IO SONO UN SOGNO"



Racconto inviato da: Loredana Moroni