POESIE - MOLISE
Soletudene

Dialetto: Molise

Soletudene
Eva longa la voja,tante longa
che nu derrupatorie da nu late.
N'ge stava nu pedale,na nzé d'ombra.
Cacche toppa de jerva giallanoita
se vedeva ogni tande pé la morge:
na mundagna che quase arriva 'ngiele,
bresciuta darru sole che l'alljuma...
Nu cuone,sole suole,ualeianne,
'mbazzite dalle calle,va currenne:
cerca na zé de frische e ne treua;
cerca na nzegna d'acqua ca te soite,
ma d'acqua n'ge ne sta...Sole e sperdjute,
corre ru cuone 'n gima alla mundagna:
nen sa ca chiù va 'n funne alla vallata;
nen sa ca chiù va 'n gioima e chiù sat suole...


Traduzione in italiano

Solitudine
Era lunga la strada, tanto lunga,
con un precipizio da un lato.
Non c'era una pianta,né un po' d'ombra.
Qualche ciocca di erba ingiallita
si vedeva ogni tanto per le morge:
una montagna alta quasi in cielo
bruciata dal sole che le dà luce...
Un cane,solo solo, guaendo,
impazzito dal caldo,va correndo:
cerca un po' di fresco e non lo trova
cerca un p0' di acqua perchè ha sete
ma l'acqua non c'é...Solo e sperduto,
corre il cane in cima alla montagna:
non sa che più va in fondo alla vallata
non sa che più va su in cima alla montagna e più sta solo...


Racconto inviato da: Felice Pannunzio