POESIE - MOLISE
Sciocche a lupegne

Dialetto: Molise

Sciocche a lupegne
Vùcchele de fume
cumme a ventìme ancàleche a mupégne,
ze sburrìtene 'ncopp'i cacciafume
pe mméze di pannélle a mmegliarate
che càlene da 'ncèle a favecégne.
Sciochhe a lupégne!
Pèj de nu cippe sicche,
sughénne 'mponte 'mponte u ciambanélle,
nu quatrale che ttante de llammicche
varde ampalate 'mbétt'a na vetrine:
z'anzénghe na cupéte,nu bberlocche,
i fìcure anfelate a ccocchie a cocchie,
ma moje de 'ngurdinìzie misse a rrime;
e 'rrevellénne l'occhie
angrogne i spalle e,carche de pannélle,
ze zughe arrassegnate u cimbanélle.
Sciocche ancora a lùpegne ndra 'stu munne
stracarche de vulìe:
maracché vvote vide nu purélle
sugarze u doce e nné nu ciambanèlle!




Traduzione in italiano

Nevica da lupi
Pennacchi di fumo,
appena il vento incalza turbinoso,
si sciolgono sui comignoli
fra le falde di neve a migliaia
che cadono dal cielo,falciandosi. Nevica da lupi.
Peggio di uno stecco, rattrappito,
succhiando la punta di un ghiacciolo,
un ragazzino,tutto mocciosetto,
mira impalato ai piedi di una vetrina:
sì indica un torrone,un brillante cadito,
i fichi untrecciati a coppia a coppia,
una dovizia di leccornia bene esposte;
e stranulando gli occhi,
si stringe le spalle e, carico di neve,
succhia rassegnato il suo ghiacciolo.
Fiocca ancora da lui in questo mondo
stracarico di desideri:
rare volte tu vedi un povero
succhiarsi il dolce invece di un ghiacciolo!

Racconto inviato da: Mario Morrone