POESIE - MOLISE
A la piere de la croce

Dialetto: Molise

A la piere de la croce
Nen voglio cchiù puccà!
già tanta miserie malerette
m'hanne redutte n'òme senza vita,
sperdute tra lu male e lu delore
cumme 'na barca senza barcajuole,
cumme 'nu juorne ca nen vere sole
sule pecchè stu core soffre po n'amore.
Criste!
addò sta la vija de la pietà!
Parla,
nen me fa cchiù puccà!
Famme capì ca tu sci figlie a Dije
e ca ssa croce me po confurtà,
caccianneme la spina da lu core,
addo lu sanghe va culanne a stizze,
addo ze struie,cumme a na cannela:
la pace,lu bene,l'amore
e quante de cchiù care 'lla ze cela.
Perduoneme!
Se nen son degne de parlà che te
famme tuccà sse pire 'nzanguenate,
ssu malritte chiuve appezzutate
ca nen ze renne cunte addo se trova
e quanta strazie rette a lu tuò core.
So puccatore ma nen m'abbreogne
pecchè te so sincere e nen me scorde
ca prima de murì che Dije parlaste
e pure a lu cchiù nemiche perdunaste.



Traduzione in italiano

Ai piedi della croce
Non voglio più peccare.
Già tanta miseria maledetta
mi hanno ridotto come un uomo senza vita,
sperduto tra il male e il dolore
come una barca senza timoniere
come un giorno senza sole
solo perchè questo cuore soffre per amore
Cristo!
dove sta la pietà.
Parla
non farmi peccare ancora
fammi capire che Tu sei figlio di Dio
e che questa croce mi può dare conforto
togliendomi la spina dal cuore
dove il sangue sgocciola
dove si consuma come una candela:
la pace,il bene e l'amore.
Perdonami!
Se non sono degno di parlare con Te
fammi toccare questi piedi insanguinati
questi chiodi maledetti
che non sanno dove si trovano
e quanto strazio hanno dato al Tuo cuore
Sono peccatore e non mi vergogno
perchè sono sincero e non dimentico
che prima di morire parlasti con Dio
e perdonasti al tuo nemico.

Racconto inviato da: Antonio Manocchio