POESIE - MOLISE
'mpassuloite

Dialetto: Molise

'mpassuloite
Sfraddutt'arsecchenoit 'e l'occhie lustre
stava rhu viecchie stritt'alle cuperte
a cape,a piede, a late a rhu curnicchie
chire sojja sesperenne.
Pògnera stretta sott'a la mandoira
la moglie aiiettemava "bella mojja".
Rhu miedeche meniute pé la vista
eva stuorte rhu musse e s'n'eva jute.
Chiagnenne e alluccuanne,puverella
era perta la cascia de zoita:
tugliette rhu vestite de veogna,
le stevalette,rhu cappelle noire,
e preparette tutte pe vestirre.
Derne la voc'a tutte rhe pariente
e,mo stavane tutte loc'attuorne.
A rhu pezzuiche,cant'a la fenestra,
appennerne la liuce all'embrunoie
e gna'nce se vedette cchiuù pe crojja
la nora jett'a toglie nu lemoine
levette na 'zegnetella de papoile
e l'appeccette.Gna la luce iette
'mbaccia rhu viecche,spalazzette l'uocchie,
guardette 'mbambaloite attorne,attorne
e decette zufflanne 'na vucella:
"Embè, che c'entra,mo,ppecciè ssa liuce?
N'etè fatte prassia auanne d'uoglie?
Nen putet'aspettà alla cecata?
Ah,n'antre'nze ... po iete alla cucioina".


Traduzione in italiano

Immobile
Mal ridotto,rinsecchito,con occhi lustri,
stava il vecchio stretto alle coperte
a capo, ai piedi, a fianco, all'angolo
i parenti sospiravano.
Pugni stretti sotto la gonna,
la moglie diceva piano "bello mio".
Il medico, venuto per la visita,
aveva storto il muso e se ne era andato
Piangendo e gridando, poverina,
aveva aperta la cassa da sposa,
e prese il vestito di vigogna
gli stivaletti, il cappello nero
e preparò tutto per vestirlo.
Diedero la voce a tutti i parenti
e ora stavano tutti là attorno.
Al piolo, vicino alla finestra,
appesero il lume verso sera
e quando non ci si vide più per niente
la nuora andò a prendere un fiammifero
tolse del carboncello al lucignolo
e l'accese. Come la luce illuminò
la faccia del vecchio, questi spalancò gli occhi
guardò attorno, intorno intorno,
e disse con voce debole:
-Ebbene che c'entra, ora, accendere questo lume?-
Ne avete fatto molto di olio quest'anno?
Non potete aspettare all'oscuro?
-Ah, un altro po'..poi andate alla cucina".

Racconto inviato da: Michele Di Ciero