POESIE - MOLISE
La sc-tizza

Dialetto: Molise

La sc-tizza
Uarde na sc-tizza 'bballe pe rhu foile
les-ta e leggièra.
Na vavuglia che cala da rhu cièle
la ngrossa a visc-ta.
E scappa sèmbre cchiù senza fermarse...
Pò 'mbonda a casca:
sc-terlambe che se pèrde.

E sc.ta voita,ched'è,nnenn'è na sc-tizza
sott'a nu licce?
Se ombia de tremiende e de scumbuorte,
s'appesandisce
che l'enne e che la pèna d'ogne juorne.
E,quande è sc-tracca,
se lassa da rhu foile de rhu tièmbe..
Casca e se perde.


Traduzione in italiano

La stilla
Guardo una stilla giù per il filo(della corrente)
lesta e leggera.
Un'acquerugliola(bava) che cala dal cielo
la ingrossa a vista
e scappa sempre di più senza fermarsi..
Poi intoppa e cade: luccichio che si perde.
E questa vita,cos'è,non è una stizza
sotto ad un filo?
Si gonfia di tormenti e di sconforto,
si appesantisce con gli anni e con la pena di ogni giorno.
E quando è stanca,
si stacca dal filo del tempo...
Casca e si perde.

Racconto inviato da: Michele Di Ciero