RACCONTI - SICILIA
Li jorna ri lu picuraru
Il significato degli ultimi giorni di un pecoraio.
Dialetto: Sicilia

Li jorna ri lu picuraru
Me nannu cuntaja. Stapi ppi frinisia. caru niputeddu.Lu veru dittu era<L'urtimi du' jorna ri lu picuraru>. Ca'erunu appoi l'urtimi dui jorna ri cannilivari. Erunu i pagghiazzi re fistiggiamenti e, pirtantu, vi pigghiavanu patti, magari chiddi ca' ppi curpa ro' travagghiu ( Viri picurari r vaddiani ri manniri) nun putivunu abbannnunaru ppi jorna assai i so' occupazioni. Arrivavsanu 'nti l'urtimi jorna e si... scatinavanu. Sta situazioni fu viruta bona doppu a ribbillioni ri Palermu ro' 15-23 sittembri ro 1866, quannu re' paisi vicinu 'nta pruvincia vinniru in aiutu a Palermu ca' si ribillau, si ni arricugghieru assai, armati sinu e renti e chini ri odiu e rabbia.contru u guvernu tintu e chiddu ca' vulijnu fari li piemuntisi.


Traduzione in italiano

I giorni del pecoraio
Mio nonno racconta. Sta per frenesia, caro nipotino. In origine il detto era <Gli ultimi due giorni del pecoraio>. Che crano poi gli ultimi due giorni di Carnevale. Erano il Clou dei festeggiamenti e, pertanto, vi partecipavano anche coloro che, a causa del loro lavoro (Vedi pastori e mandriani) Non potevano abbandonare per molti giorni le proprie occupazioni. Arrivavano gli ultimi giorni e si... scatenavano. L'espressione viene rinverdita con più incisivo significato dopo la rivolta di Palermo del 15-23 settembre del 1866, quando dai paesi della provincia in aiuto di Palermo insorta, accorsero bellicose squadre di paesani armati sino ai denti e carichi di ira e di odio contro il malgoverno e le vessazioni dei piemontesi.

Racconto inviato da: Paolo Campisi