RACCONTI - SICILIA
Cu' è u 'ciu ranni (Mt 18 1-4)
E' una parabola di Gesù delle tredici da me tradotte. Ci fa capire la conversione sincera.
Dialetto: Sicilia

Cu' è u 'ciu ranni (Mt 18 1-4)
'Nta 'du mumentu i riscepuli s'abbicinarunu a Gesù ricennu:"Cu' è dunqui 'u 'ciu ranni 'nto Regnu re' Cela?". Allura Gesù ciamau vicinu ri jddu 'npicciriddu, u misi 'nto menzu e a jddi ci rissi:"Ca' virità vi ricu: se nun cangiati rintra u vostru cori e nunaddivintati comu picciriddi, nun trasiti 'nto Regnu re' Cela. Allura tutti chiddi c'addiventunu 'nighi comu stu picciriddu, sarà u 'ciu ranni 'to Regnu re' Cela"
'Nto regnu re' Cela javi valuri a seguenti liggi: cu' è ranni è 'nigu, e cu' è'nigu è ranni: Maria era a 'ciu 'niga e a 'ciu umili ri tutti i criaturi; ppi chissu Diu ha isatu e cunfini ra' Divinità. ?nama riurdari ca' u Regnu è 'npicciriddu a menzu cristiani anziani ('na parabbula 'azioni). Gesù 'ni ripeti sempri: 'nama 'cunvertiri, ama a fari na' cazzicatummula 'nte nostri idee e ama turnari a siri 'nighi comu picciriddi.


Traduzione in italiano

Chi è il più grande ( Mt 18, 1.4)
In quel momento i discepoli si avvicinarono a Gesù dicendo: " Chi dunque è il più grande nel Regno dei Cieli?". Allora Gesù chiamò a se un bambino, lo pose in mezzo a loro e disse:"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel Regno dei Cieli. Perciò chiunque diventerà piccolo come questo bambino, sarà il più grande nel Regno dei Cieli"
Nel Regno dei Cieli vale la seguente legge: chi è grande è piccolo, e chi è piccolo è grande. Maria era la più piccola e la più umile di tutte le creature; per questo Dio l'ha innalzata ai confini della Divinità. Ricordiamoci che il Regno è un bimbo in mezzo agli adulti (una parabola in azione).Gesù insiste : occorre convertirsi cioè capovolgere le propie idee e dobbiamo ridiventare piccoli come bambini.

Racconto inviato da: Paolo Campisi