RACCONTI - SICILIA
'Nto curtigghiu ro' zu Peppi Fari lu triunfu
Momenti belli vissuti in un cortile della ridente Avola nei tempi passati.
Dialetto: Sicilia

'Nto curtigghiu ro' zu Peppi Fari lu triunfu
'Nto curtigghiu ro' zu Peppi fari festa era n'usanza ca' si tramannaja ri generazioni. "Rari" o "Fari" u triunfu era na veccia tradizioni che rarichi. Ogni occasioni era bona: 'nmatrimoniu, n'assoluzioni,'mbattiu,na vincita o jochilottu, o o' totocalciu, mittirisi na putia e pi' finiri farisi ziti. Parenti, amici e vicini ro' curtigghiu, pigghiavanu parti a festa purtannisi a segghia ri casa sistimannusi vicinu n'altari 'nigu priparatu pi' l'occasioni o Santu ra jurnata. 'Nu triu furmatu ri viulunu, citarra e urganettu facia addivertiri 'nta festa. Magari sti cumplissini si ciamavunu >Triunfi>. S'accumenzava cu' vecci canzuni ri Cresia e si finija cu musiche muderni. I fimmini pa' sira priparavanu pizzi, scacci, carni ri tutti i maneri e si mangiva 'nzemmula rirennu e babbiannu vagnannu tuttu cu' nu bonu biccheri ri vinu.


Traduzione in italiano

Nel cortile di Zio Giuseppe fare il trionfo
Nel cortile di zio Giuseppe festeggiare era un'usanza che si tramandavano da generazioni. "Rari" o "Fari" il trionfo era un'antica e radicata tradizione, ogni occasione era buona: un matrimonio, un'assoluzione, un battesimo, una vincita al lotto o al totocalcio, l'apertura di un negozio e per finire il fidanzamento. Parenti, amici e vicini del cortile, prendevano parte alla festa portandosi la sedia da casa e sistemandosi vicino o nei pressi di un'altarino dedicato per l'occasione al Santo del giorno. Un trio formato da violino, chitarra e fisarmonica allietava la festa. Anche questi piccoli comolessi venivano chiamati:< Triunfi>. Si cominciava con antichi canti sacri e si finiva con musiche moderne. Le donne per la sera preparavano pizze, scacce, carne nei vari modi e si mangiava insieme ridendo e scherzando annaffiando tutto con un buon bicchiere di vino.

Racconto inviato da: Paolo Campisi