RACCONTI - SICILIA
'N'omminu assai riccu (Lc 12, 16-21)
La seconda parabola tradotta ci fa capire che non bisogna essere sicuri di vivere per sempre e che se ho delle agiatezze me le posso godere. La vera sicurezza è solo Dio.
Dialetto: Sicilia

'N'omminu assai riccu (Lc 12, 16-21)
E Gesù rissi: " C'era 'n'omminu riccu i so' tirrina avianu ratu assai. Pinzava rintra ri iddu:" C'agghia fari? Puichi nun'agghiu unni mettiri a raccolta ri furmentu" Poi rissi accussi: "Eccu chiddu ca' fazzu: Jettu 'nterra i casi unni tegnu u furmentu, ni costruisciu ri ciu ranni, vi ci mettu rintra tuttu u me furmentu, e i me beni, e ricu all'arma mia: Arma mia hai nà' quantita ri beni sabbati 'pi anni assai; arriposati,mangia, vivi, fai festa." Ma Diu ci rissi:"Stupidu, sta notti stissa, ti si dumanna cuntu ri l'arma tova. E chiddu ca' a ricugghiutu, ri cu avissa 'ssiri?" Accussi e ri chiddu ca fa trisoru 'pi iddu, 'nveci ri arricchirisi 'nvista ri Diu."
L'omminu ra parabbula s'attrova 'nta na filici situazioni ri sicurizza materiali. Ma a so' sicurizza è 'nlusoria. A morti è na putenza contro cui nuddu c'è sicurizza ca' vali. 'Nd'omminu, 'ntomumentu stissu c'havia pigghiatu nà stabilità ecunomica , arrivau u mumentu ca' a morti su' purtau cu' idda.


Traduzione in italiano

Un uomo molto ricco (Lc 12, 16-21)
E Gesù disse: "C'era un uomo ricco le cui terre avevano fruttato molto. Progettava fra di sé:"Che devo fare? Poiché non ho dove riporre il mio raccolto". Poi disse così: "Ecco quello che farò; demolirò i miei grnai, ne costruirò dei più ampi, vi ammasserò dentro tutto il mio grano e i miei beni, e dirò all'anima mia: Anima mia, hai una quantità di beni in serbo per numerosi anni; riposati, mangia, bevi, fa festa". Ma Dio gli disse:"Insensato, questa notte stessa ti si chiederà conto dell'anima tua. E ciò che hai raccolto di chi sarà?". Così è di colui che accumula per sé invece di arricchirsi in vista di Dio".
L'uomo della parabola si trova in una felice situazione di sicurezza materiale. Ma la sua sicurezza è illusoria. La morte è una potenza contro cui non c'è sicurezza che valga. Quell'uomo, nel momento stesso in cui ha raggiunto la stabilità economica, è ghermito dalla morte.

Racconto inviato da: Paolo Campisi