RACCONTI - SICILIA
I Vigneri (Mt 21,33-44)
La terza parabola che ci invita ad accettare che Dio dà piena fiducia agli uomini.
Dialetto: Sicilia

I Vigneri (Mt 21,33-44)
Gesù rissi:" C'era 'npatri ri famigghia ca' chiantau na vigna 'nto so' tirrinu,l'affittau a campagnoli e sinni ju luntanu.(...) I campagnoli quannu visturu a so' figghiu rissiru: "Chistu è l'eredi ra vigna, ammazzamulu e ni pigghiamu l'eredità!" U poigghiaru, u ittaru fora ra vigna e u' mazzaru. E ora quannu veni u patruni ra vigna chi fini ci fa fari a si campagnoli?" rissi Gesù. Ci rispunneru tutti:" I fa morri cu spaventu, pigghia a vigna e a runa a autri e aspetta ca' a tempu ri ricovita ci rununu a so' parti."
'Ni fa capiri ca u Patri ni voli beni e manna 'nto munnu so' figghiu a morriri'pi niautri.


Traduzione in italiano

I vignaioli (21, 33-44)
Gesù disse:"C'era un padre di famiglia che piantò una vigna nel suo terreno, l'affittò a contadini e se ne andò lontano.(...) I contadini quando videro suo figlio dissero: "Questo è l'erede della vigna, uccidiamolo e ci prendiamo l'eredità!" Lo presero lo gettarono fuori dalla vigna e lo uccisero. E ora quando viene il padrone della vigna che fine gli farà fare ai contadini?" disse Gesù. Gli risposero tutti: "Li farà morire con spavento, prende la vigna e la dà ad altri e aspetta che a tempo di raccolto gli diano la sua parte."
Ci fa capire che il padre ci vuole molto bene e manda nel mondo suo figlio a morire per noi.

Racconto inviato da: Paolo Campisi