POESIE - LOMBARDIA
SPERAVI CHE...
E' soltanto una considerazione su ciò che siamo diventati. Guardiamoci intorno, ma soprattutto guardiamo dentro noi stessi. Io ci sono stata per molto tempo in questa situazione e me ne dispiace.
Dialetto: Lombardia

SPERAVI CHE...
E ti te speret semper
che 'n quei vunn el te ascolta.
La gent al dì d'incòo,
la se fa i affari sò.
Te ghe interesset nò,
e faghen nò una colpa,
te poeudet nò savée
cos'é che g'hann in co.

Se parla de "altruismo e solidarietà".
Voeuromm sistemà el mond
in doe che gh'é 'na guérra,
ma nanca in del tò pìcol
te poeudet nò parlà,
e se te gh'et bisògn
te se troeuvet col cu in térra.

Se vjiv semper de corsa,
l'è 'na continua gara
e quand che te se fermet
te par che scapa el mond.
Sèmm bonn pu de apprezà
i nòot de 'na ghitara,
perchè semm semper stràch
e 'l sògn l'é tropp profond.

Eppur diventom vécc,
e intant el temp el passa,
ma nunch g'hemm minga temp
de staagh on pò a pensà.
E intant se la ciapomm
con quèi de l'altra razza
perchè laoren nò...
perchè g'hann nient de fà.


Traduzione in italiano

SPERAVO CHE...
E tu speri sempre
che qualcuno ti ascolti.
La gente oggigiorno
si fa gli affari suoi.
Non gli interessi
e non fargliene una colpa.
Tu non puoi sapere
cos'hanno nella mente (Testa)

Si parla di "Altruismo e solidarietà"
Vorremmo sistemare il mondo
laddove c'è una guerra,
ma neanche nel tuo piccolo
non puoi parlare (Confidarti)
e se tu hai bisogno
ti ritrovi col culo per terra (Senza aiuti).
Si vive sempre di corsa,
è una continua gara
e quando ti fermi
sembra che scappi il mondo.
Non appreziamo più
le note di una chitarra
perché siam sempre stanchi
e il sogno è troppo profondo.

Eppure diventiamo vecchi
e intanto il tempo passa,
ma non abbiamo il tempo
per starci un po' a pensare.
E così ce la prendiamo
con quelli di un'altra razza
perchè non lavorano...
perchè non hanno (purtroppo)niente da fare.

Racconto inviato da: Loredana Moroni