RACCONTI - SICILIA
Talìa ! Li tri fimmini, chi mali ci abbinni.
E' la storia di tre gentiluomini ribelli che sotto il regno di Federico di Svevia furono uccisi e le tre consorti murate vive.
Dialetto: Sicilia

Talìa ! Li tri fimmini, chi mali ci abbinni.
Ata sapiri ca' sutta lu regnu ri Federicu II ri Svevia,tri ommini d'abbeni ribelli: Franciscu,Tibaldu, Guglielmu ri S. Severinu e n'autru napulitanu ca' nun m'arriordu u nomu, pajarunu ca' vita a so' fellonia versu u biondu 'mpiraturi. Magari co' ciamainu Stupor Mundi pa' so' abilità pulitica ce po' so' mecenatismu, Fidiricu ri Svevia nun trascurava a' sicurizza ro' so' Imperu. Doppu ca' fici fora i tri ommini d'abbeni, fici 'mprigiunari e murari vivi, 'nte suttirranii ro palazzu riali, magari i muggheri ri 'ndi tri ribelli. I corpi mummificati re tri dami, ancora vistuti cu' vistini ri rasu e cu' magnifici giujella, i truvaru 'pi casu tri seculi 'chiù tardu, 'nto 1550,quannu ammodernizzaru u palazzu 'pi ordini rò Vicirè De Vega e cu' l'abbattimentu ra' turri russa (a ciamavanu accussì, pirchi fatta cu' mattuna russi).U ritrovamentu re tri fimmini sciuttunate, arrisbigghiau l'immaginazioni pupulari. Eccu 'picchì si rici:"Talìa! Li tri fimmini, chi mali ci abbinni.


Traduzione in italiano

Guarda! Le tre donne, che guaio le colse
Dovete sapere che sotto il regno di Federico II di Svevia, Tre gentiluomini ribelli:Francesco, Tebaldo, Guglielmo di S.Severino e un altro napoletano di cui non ricordo il nome, pagarono con la vita la loro fellonia verso il biondo imperatore. Anche se lo chiamavano Atupor Mundi per la sua abilità politica e per il suo mecenatismo. Federico di Svevia non trascurava la sicurezza del suo Impero. Dopo che fece fuori i tre gentiluomini, fece imprigionare e murare vive, nei sotterranei del palazzo reale, anche le mogli di quei tre ribelli. I corpi mummificati delle tre dame, ancora rivestite con abiti di raso e con magnifici gioielli, li hanno trovato per caso tre secoli dopo, nel 1550, quando rimodernarono il palazzo per ordine del Vicerè De Vega e con l'abbattimento della torre rossa (la chiamavano così, perché fatta di mattoni rossi). Il ritrovamento delle tre donne sfortunate, svegliò l'immaginazione popolare. Ecco perché si dice: Guarda! Le donne che guaio le colse.

Racconto inviato da: Paolo Campisi