RACCONTI - SICILIA
Fari li soldi cu' li carti
Nei vecchi tempi non c'erano le opportunità d'oggi e ogni sistema era buono per far soldi.
Dialetto: Sicilia

Fari li soldi cu' li carti
Bbrugliari. E 'ngnocu ri abilità ca si usa fari 'pi strada, o'nta ciazza, specialmenti 'nti sti mercatini ri quarteri. Si pigghiavanu tri surdiceddi, addi tempi i centesimi re liri, oj s'avissanu a usari i centesimi re euru.Abbisugnava "scummigghiari" unu re tri surdiceddi a diffirenza ri l'autri rui.U masciu ro' jocu, cummogghia e scummogghia i surdicci finu a cunfunniri l'idee o jucaturi
sprovvedutu ca','nto jocu veni ciamatu "cuntrastu". Chiddu ca' fa u jocu, avi unu o diversi complici chiamati "zaru" o "zari", e l'obbligu ri chisti è fari cunfusioni o ri rari 'n'ammuttuni o na' manata o jocu, 'nto casu ca u' "cuntrastu" avissa 'nzittari u surdiceddu 'bbonu. Stu Jocu ata sapiri cari niputeddi avi na varianti ca' si ciama;"Lu tri oru vinci",Si fa che catti ri jocu, co stissu sistema re surdiceddi


Traduzione in italiano

Fare i soldi con le carte.
Imbrogliare. E' un gioco di abilità che si usa fare per strada, in piazza, specialmente nei mercatini rionalidi quartiere. Si prendono tre monetine, in quei tempi i centesimi delle lire, oggi si dovrebbero usare i centesimi degli euro. Bisognava "scoprire" una delle tre monetine a differenza delle altre due. Il croupier, copre e scopre le monetine fino a confondere le idee al giocatore sprovveduto che nel gioco viene chiamato "contrasto". Quello che fa il gioco, ha uno o diversi complici chiamati "Zaru" o "zari" e hanno l'obbligo di creare confusione o di dare uno spintone o una manata al gioco, nel caso in cui il "contrasto" indovini la monetina buona. Questo gioco dovete sapere cari nipotini ha una variante che si chiama: "Il tre di oro vince". Si fa con le carte da gioco, con lo stesso sistema delle monetine.

Racconto inviato da: Paolo Campisi