RACCONTI - SICILIA
I peri cu' lu pilu.
Quando nonno raccontava le sue storielle sui borboni.
Dialetto: Sicilia

I peri cu' lu pilu.
Me nannu mi ricia, u sai pirchì si rici: "Li peri cu' lu pilu?" Ju ci arrispunneva: "Nun lu sacciu nannu". E iddu 'ncumenzava. "Ora ti cuntu chidda ri l'ignoranza re recluti re surdati borbonici". Mi ricia: "l'esercitu expiemuntisi pari ca fussiru tutti arca ri scienza ri intelligenza e curtura. Sapivanu ricitari versi alessandrini e sapivanu risolviri prubblemi assai difficili ri matimatica. A l'ignuranti recluti ca' nun sapianu disinguiri a destra ca sinstra, chiddi che priparavanu ci vinni a filici idea ca 'pi faricillu capiri ci attaccaru 'nta 'nperi na striscia ri peddi ri pecura. Accussì, quannu avianu a marciari, iddi 'nveci ri ririci: "sinistra-destra,sinistra-destra". Jttannu vuci ci ricijnu: "Co' pilu-zenza pilu, co' pilu-senza pilu". E i surdati burbonici capijnu e co' tempu su 'mparainu.


Traduzione in italiano

I piedi con il pelo
Mio nonno diceva, lo sai perchè si dice:"I Piedi con il pelo?" Io gli rispondevo: "Non lo so nonno". E lui iniziava. "Ora ti racconto quello dell'ignoranza delle reclute dei sordati borbonici". Mi diceva:"L'esercito expiemontese pare che fossero tutti dei mostri di intelligenza e cultura. Sapevano recitare versi alessandrini e sapevano risolvere problemi molto difficili di matematica. Alle reclute ignoranti che non sapevano distinguere la destra con la sinistra, quelli che li preparavano le venne la felice idea che per farglielo capire gli legarono in un piede una striscia di pelle di pecora. Così quando dovevano marciare, loro invece di dirgli:"sinistr-destr,sinistr-destr" Gridando gli dicevano: "Col pelo-senza pelo, col pelo-senza pelo". E i soldati borbonici capivano e con il tempo l'imparavano.

Racconto inviato da: Paolo Campisi