POESIE - PUGLIA
Candaléna vaje e bbène
Canticchiare fraseggiando,allegoricamente, anche contenuti morali, intesi a intrattenere bambini piccoli.
Dialetto: Puglia

Candaléna vaje e bbène
Nìch' nàch' nùsc'
s'ha futtùte ru puàne
la muscia,
e tu, sgangàte e senza riènd',
mangi pane a trarimiènd'.
Nìch' nàch' nonna
eia figliàta la maronna
ha fàtt' nnu bèll' bammìne
e l'ha chiamate
Ggiuànnìne.


Traduzione in italiano

Filastrocca che va e viene
Nich' nàch' nùsc' (voci intraducibili)
il gatto
ha mangiato il pane,
ed anche tu, (bambino) privo di molari e di tutti i denti,
stai mangiando( pane) a tradimento (gratis).
Nìch' nàch' nonna
ha partorito la mia donna,
ha partorito un bel bambino
e l'ha chiamato Giovannino.

Racconto inviato da: Pasquale Castellano