RACCONTI - SICILIA
Diu 'nni scanza ri li vecci Catalani
Diffidenza verso situazioni poco chiare: Storia della compagnia catalana.
Dialetto: Sicilia

Diu 'nni scanza ri li vecci Catalani
Si cunta, ca la cumpagnia Catalana, o Amulcavari era furmata ri Catalani, Aragunisi e Siciliani.
Doppu ca' avivunu ajutatu Fidiricu II ri Sicilia cuntra li Angiò ri Napuli.Si misuru o sirviziu re rui impiratori bizantini. Amdronicu II e Micheli IX Paliolugu.
A Cumpagnia era cumannata ri Ruggeru ri Flor ca' 'pi l'ajutu ratu lu ficiru Megaduca e ci ficiru spusari 'na principissina purfirugenita. Ruggeru ri Flor e na pocu re sovi furunu ammazzati a trarimentu ad Adrianopuli 'pi manu ri micheli IX 'nto 1305.
A stu puntu chiddi ca' ristaru si vindicaru cuntra i bizantini.Si assirragghiaru 'nta pinisula ri Gallipuli e misiru a ferru e focu i zoni vicinu Costantinopuli, a Tracia, a Macidonia e parti ri l'Anatolia. Quannu paasaru 'nta Grecia scunfissiru i francisi ro' duca r'Atini, Gualtieri I ri Brienni e si impussissaru ro' ducatu ca' tinniru 'pi quasi ottant'anni. Ancora ora 'nta l'orienti usanu riri: T'avissa pigghiari a raggia re vecci Catalani.


Traduzione in italiano

Dio ci liberi da vechi catalani.
Si racconta, che la compagnia Catalana o Amalguvari era formata da Catalani, Aragonesi e Siciliani.
Dopo aver aiutato Federico II di Sicilia contro gli Angiò di Napoli. Si misero al servizio dei due imperatori bizantini. Andronico II e Michele IX Paleologo.
La compagnia era comandata da Ruggero di Flor che per l'aiuto dato lo fecero Megaduca e gli fecero sposare una principessina porfiriogenita. Ruggero di Flor e diversi dei suoi soldati furono ammazzati a tradimento a Adrianopoli per mano di Michele IX nel 1305.
A questo punto quelli che restarono si vendicarono contro i bizantini. Si asserragliarono nella penisola di Gallipoli e misero a ferro e fuoco le zone vicino Costantinopoli, la Tracia, la Macedonia e parte dell'Anatolia. Quando passarono in Grecia sconfissero i francesi del duca d'Atene Gualtieri I di Brienn e si impossessarono del ducato che tennero per quasi ottant'anni. Anco ora nell'oriente si dice: Ti dovrebbe prendere l'ira dei vecchi catalani.

Racconto inviato da: Paolo Campisi