RACCONTI - SICILIA
U riuzzu a Porta Nova e' a furca a Porta Filici
Ai bimbi veniva dato un ceffone per ricordare i fatti accaduti.
Dialetto: Sicilia

U riuzzu a Porta Nova e' a furca a Porta Filici
'Pi auspicari, na' giustizia Giusta e vera. 'Pi significari magari a seculari e mai suddisfatta aspirazioni ri 'ndipendenza ro' populu sicilianu. A Porta Nova(Palermu) comu tutti sanu, c'è u Palazzu Riali( u Palazzu re' Nurmanni) sempri occupatu ri Vicire o Guvernaturi, suggetti a milli prissioni o cumprumissi ca'facivunu parriri tintu chiddu ca' si faciva.La fura 'nveci l'avivunu misu 'pi sempri a Ciazza Marina a rui passi ri' Porta Filici. Supa a furca finivunu sempri i puvireddi ca' n'avivunu a nuddu ca' li difinniva.I pezzi rossi sa passainu, quasi sempri a liscia ra Giustizia 'pi jddi.'Pà curiusità, duranti l'esecuzioni capitali, l'incunfundibili scusciu ri timpulati, 'ncrinaia u silenziu ca' cuntrafacia su tintu spittaculu. U mutivu era ca' a su spittaculu c'erunu magari i picciriddi ca' vinivunu pigghiati a timpulati 'pa riurdarisi e comu ammunimentu ri chiddu c'avia succirutu.


Traduzione in italiano

Il Re a Porta nuova e la forca a Porta Felice.
Per auspicare una giustizia giusta e vera. Per significare anche la secolare e mai soddisfatta aspirazione di indipendenza del popolo siciliano. A porta nuova(Palermo) come tutti sanno, c'è il Palazzo Reale (il palazzo dei normanni) sempre occupato da Vicerè e Governatori, soggetti a mille pressioni o compromessi che facevano sembrare scabroso quello che si faceva. La forca invece l'avevano messo per sempre a Piazza Marina a due passi da Porta Felice. Sulla forca finivano sempre i poveracci non trovando a nessuno che li difendesse. I pezzi grossi se la passavano quasi sempre fuori dalla giustizia. Per la curiosità durante le esecuzioni capitali, l'inconfondibile rumore di ceffoni, incrinava il silenzio che si predisponeva durante quel macabro spettacolo. Il motivo era che a quel spettacolo c'erano pure i bambini che venivano presi a ceffoni per ricordo e ammonimento di quello ch'era successo.

Racconto inviato da: Paolo Campisi