RACCONTI - SICILIA
Rari cutiddati cu'l'agghia
L'uso del coltello in Sicilia, i tipi di colpi e l'abitudine di passare sulla lama l'aglio ritenuto velenoso.
Dialetto: Sicilia

Rari cutiddati cu'l'agghia
Ata sapiri, ca'l'usanza ro cuteddu po' populu sicilianu rapprisintaja chiddu ca' a spada putia rapprisintari 'pi l'aristocratici. Ha fattu in modu ri fari nasciri na tecnica raffinata ri duellu.I vari mossi ri" scherma" co' cuteddu, o lignati, janu tutti na' pricisa difinizioni. 'Pi esempio: lignati a <maccarruna> o ciamata magari <a panzata>stapi 'pi corpu ri cuteddu 'nto ventri, 'nveci < a cascia> stapi 'pi na cutiddata o pettu. O<musculu> stapi 'pi corpu ri cuteddu 'nto virazzu,e i<biddizza> o a <malantrina> stapi 'pi culpisceddu arrinisciutu bonu. I <bella> e magari <china> stapi a significari 'nu beddu corpu. A <scacciata> stapi 'pi quannu si para u colpu. Amici mei vajhu cuntatu li corpa ro cuteddu, ma ata sapiri ca 'nta lama usanu passarici l'agghia, cunsideratu vilinusu pirchi cunteni arsenicu e quindi vu 'magginati quannu arrivaia 'corpu era quasi sempri murtali.


Traduzione in italiano

Dare coltellate con l'aglio.
Dovete sapere, che l'uso del coltello per il popolo siciliano rappresentava quello che la spada poteva rappresentare per gli aristocratici. Ha fatto in modo di far nascere una tecnica raffinata di duello. Le varie mosse di "scherma" con il coltello, o botte, hanno tutte una precisa definizione. Per esempio: botte ai <maccheroni> o chiamata pure <con la pancia> sta per un colpo di coltello nel ventre, invece a <cassa> sta per una coltellata al petto. Il <muscolo> sta per un colpo di coltello nel braccio, e la <bellezza> o alla <malandrina> sta per un colpo ben riuscito. La <bella> e magari <piena> sta a significare un bel colpo. A <cacciata> sta per quando il colpo non riesce. Amici miei vi ho raccontato dei colpi di cortello, ma dovete sapere che nella lama usavano passarci l'aglio, considerato velenoso perché contiene arsenico e quindi vi imaginate quando arrivava un colpo era quasi sempre mortale.

Racconto inviato da: Paolo Campisi