RACCONTI - SICILIA
A' festa ri San giuvanni
Le donne per la festa di San Giovanni hanno l'opportunità di scoprire il mestiere del futuro marito.
Dialetto: Sicilia

A' festa ri San giuvanni
Ata sapiri ca' pa festa ri San Giuvanni(24 Giugnu) i picciutteddi frimmini ca' si vonu maritari, vulennu sapiri chi misteri fa 'u maritu chi ci tocca, squagghiunu 'u cimmu 'i San Giuvanni. Mettunu supa 'u focu na' pignatedda cu' t'anticchia ri ciummu ri squagghiari: priparunu ri latu na' vacila cu' l'acqua; quannu 'u ciummu è squagghiatu, 'u levunu rò focu e'u jettunu 'nta l'acqua ricennu a prijera ri San Giuvanni Dicullatu: " San Giuvanni Dicullatu,tri 'mpisi, tri 'nniati e tri squartati,tutti i novi riuniti annanzi ri la Vergini muviti, e tantu la prijati e straprijati, sinu ca' 'a 'razia a mia mi faciti". A secunnu ra forma ca' pigghia 'u ciummu 'nta l'acqua / 'na varca, 'nmarteddu, 'na zappa ' na rota i carrettu...) s'annuina 'u misteri rò futuru maritu.


Traduzione in italiano

La festa di San Giovanni
Dovete sapere che per la festa di San Giovanni(24 Giugno)le donne che si vogliono sposare, volendo sapere che mestiere fa il marito che spetta loro, squagliano il piombo di San Giovanni. Mettono sul fuoco un pentolino con un po' di piombo da squagliare; preparano di lato una bacinella con l'acqua; quando il piombo è fuso lo levano dal fuoco e lo gettano nell'acqua dicendo la preghiera di San Giovanni Decollato: "San Giovanni Decollato, tre impiccati, tre annegati, tre squartati, tutti e nove riuniti davanti alla Vergine muovete, e tanto la pregate e strapregate, finchè la grazia mi concederete". A secondo della forma che prende il piombo nell'acqua (una barca, un martello, una zappa, una ruota di carretto...) si indovina il mestiere del futuro marito.

Racconto inviato da: Paolo Campisi