POESIE - PUGLIA
Candaléna r' Carnuàle
Il Carnevale, nella tradizione popolare e rituale del mio paese Candela, viene celebrato il 17 gennaio di ogni anno in concomitanza con la festa di Sant'Antonio Abate. Il santo, nella iconografia popolare, è sempre stato rappresentato con il suo maialino e vari altri animali ai suoi piedi, facendone il protettore degli animali. La tradizione popolare considera Sant'Antonio Abate un santo familiare, scherzoso e portatore di tanta allegria e spensieratezza. In linea di massima le manifestazioni carnevalesche sono, come consuetudine, motivo di svago e di divertimenti per i bambini ma anche per gli adulti ed assumono una valenza non solo ludica ma anche culturale.
Dialetto: Puglia

Candaléna r' Carnuàle
Scusuàte tànd' o miei Signori
aprìte r'arècchie a mmè
ca sò scettabbànn' ,
diamo il benvenuto
a tutta la cumbognìa
e facìmmece sta festa in allegria.

Suonate or ora
le vostre trombe,
rullate forte forte
i vostri tamburri,
a tutta Cannéla
facìmme gli auguri.

Ije so nnu povere Carnuàle sbunduruàte
eja ggià ra mofal'ann' ca mai carna agg'assaggiàte,
sèmb' maccarùn' e vruocchele e ppésc' frìtt',
r' Cannéla so l'òmmene cchiù afflìtt'.

Eja trasùta la festa r' Carnuàle
e m'hànne tutt' quand'ammasc-caràte,
m'hànne fatt' rr' ménn' tonn'tonn'
e roie pacch' re cùle quand' a nna munduàgna.

Ije sòno nn' Cuarnuàle cchìne r' paglia
ca ng'hànn'puost' a li pière rr'stualèdd' ,
li sc-càcchètt' mbàcc' rùss'rùss',
lu cuàppièll' ngàpe e la faccia totta 'ngipriàta.

Agg' fatt' l'ahùrie a stù vinèll'
ca eja tand' bèll' e addurùse
ma tràse a vùtt' a vùtt' ra la vocca
e ièsse chiàne chiàne ra lu purtùse.

Tu Sand'Andònie
ch'lu tùie porcellìne
staie ngùrunuàte 'ngièle
ch' lu Buammìne,
'ndèrra m'nìste ch' tànda gloria
e fàng' ngrassà, oie Sand'Andònie.


Traduzione in italiano

Cantilena di Carnevale (Strambottiana paesana)
Scusate tanto o miei Signori
ascoltate me
che sono il banditore:
diamo il benvenuto
a tutta questa compagnia
e godiamoci questa festa in allegria.

Suonate or ora
le vostre trombe,
rullate forte forte
i vostri tamburi,
a tutta Candela
facciamo gli auguri.

Io sono un povero Carnevale sventurato
è già da un anno che non assaggio carne,
sempre pasta con cime di rapa e pesce fritto
di Candela io sono l'uomo più afflitto.

E' iniziata la festa di Carnevale
e mi hanno tutto mascherato,
mi hanno confezionato degli enormi seni tondi tondi,
e le due natiche del culo
grandi quanto una montagna.

Io sono un Carnevale pieno di paglia
a cui hanno infilato ai piedi gli stivaletti,
i pomelli rossi rossi dipinti in faccia
e il cappello in testa e la faccia incipriata.

Ho fatto gli auguri a questo vinello
che è tanto bello e odoroso,
ma viene giù a fiotti a fiotti in bocca
ed esce piano piano da questo buco.

Tu Sant'Antonio
col tuo maialino
stai incoronato in cielo
con Gesù Bambino,
venisti sulla terra (fra noi) con tanta gloria
e facci ingrassare (arricchire) o Sant'Antonio.


Racconto inviato da: Pasquale Castellano