POESIE - VENETO
Dialogo tra "il Daziere e la Bambina"

Dialetto: Veneto

Dialogo tra "il Daziere e la Bambina"
Dialetto di Falcade (Belluno)

"Onde vas to piciolina
co sto sach della farina ?"
" Paròn, vade a cio sal
che mia mare la m'ha manda"

" A cio sal co sto carnie
tes mase, piciolina
no te po mia portarlo"

" Par portà no ste avei festide
che mel porte tant che ride"

" Come mai tuto chesto sal ?"

"Me pare l'à dit :
copon doi fede che fon en
cin de voalch da pede.
Mia mare l'à dit :
copon la vaca mora
nia no l'à fa parchè la è tora"

Apena savest onde che l'era el post
onde che i copava la bestia,
el dazier l'è montà a caval
e l'è partì come na scheggia.

El so caval el fea fiama e foc
par arivà prest sul loc.

Come che l'è arivà l'à vist:
quatro mostri de becher
con le braghe otate su,
sula broche de soler
la gran bestia i à taca su:

un el sgionfava el bescigon,
un el portava el benelon
e doi bogn de cortèl
i ghe tirava tu la pel.

El dazier l'è restà mal
conde che l'à vist l'animal:
no l'era ne na vaca
ne na feda, ma l'era un mus!

Bisogna savei che el mus
l'era il sol animal
che no pagava el dazio...



Traduzione in italiano

Dialogo tra "il Daziere e la Bambina"


"Dove vai, piccolina
con questo sacco di farina ?"
"Padrone, vado a comprare il sale
che mia madre m'ha mandata"

"A comprere il sale con questa sporta
sei troppo piccina,
non puoi mica portarlo"

"Per portare non si preoccupi,
che me lo porto come ridere"

" Come mai tutto questo sale ?"

"Mio padre ha detto :
uccidiamo due pecore che facciamo
un po' di companatico.
Mia madre ha detto :
ammazziamo la vacca mora
che non rende niente (perch<é non resta mai gravida)
e si comporta come il toro.

Appena saputo il luogo
dove veniva macellata la bestia,
il daziere mont a cavallo
e partì velocemente.

Il suo cavallo faceva fiamme e fuoco
per giungere in fretta sul posto.

Al suo arrivo vide:
quattro macellai
con i pantaloni arrotolati,
sui pali del terrazzo
avevano appeso la bestia:

uno gonfiava la vescica,
uno portava un vascone di legno,
e gli altri due, bravi col coltello,
scuoiavano l'animale.

Il daziere ci rimase male
quando vide l'animale:
non era ne una vacca
ne una pecora, ma un asino.

Bisogna sapere che l'asino
era l'inico animale
che non pagava il dazio....


Racconto inviato da: Gigi Costa