RACCONTI - SICILIA
La Cummari schetta
Avando una comare quasi zitella gli si spiega cosa fare per far innamorare l'amico.
Dialetto: Sicilia

La Cummari schetta
Cummari aviti trent'anni e nun vi putistivu maritari. U sapiti c'ata 'fari? Pi fari 'nammurari n'omminu 'pi 'bui, ata macinari n'ossu ri mortu e a' purviri s'impasta 'nzemi a farina chi giuva 'pi 'na fuazza o 'na cosa ruci ca' poi cià rati a mangiari a iddu. Putiti fari a stissa cosa pigghiannu 'npilu ri monacu, e doppu avirlu fattu uddiri 'nta menzu biccheri ri acqua cu' ru stizzi ri sangu vosciu, si leva ri l'acqua, s'ammisca co' vinu e si runa a biviri o picciottu ca' vui vuliti fari 'nnammurari ri vui. Se poi vi veni difficili pigghiati l'acqua maritata ca è l'acqua biniritta ca' si pigghia ra piliceddaca è 'nta Cresia e s'ammisca co' broru o co' vinu ca' su 'pi l'amicu cavuliti fari 'nnammurari.E ata priari a San Vitu: " Santu Vitu, vi vegnu a priari: li vostri cani m'aviti a pristari e unni...l'aviti 'a mannari p'avirilu sempi ò me' putiri." Mala ca' va, u 'mmitati a sira ri Natali ci priparati n'anticchia ri broru ci mittiti rui stizzi ro vosciu sangu e statini certa ca stavota ci rinisciti. Vi salutu cummari.


Traduzione in italiano

La comare single
Commare avete trent'anni e non vi siete potuta maritare. Sapete cosa dovete fare? Per far innamorare un uomo di voi, dovete macinare un osso di morto e la polvere va impastata con la farina, bastante per una focaccia o una cosa dolce che poi gliela date da mangiare. Potete fare la stessa cosa prendendo un pelo di un monaco, e dopo averlo fatto bollire in mezzo bicchiere d'acqua, si miscela con il vino e si dà a bere al ragazzo che volete far innamorare di voi. Se poi vi viene difficile prendete l'acqua maritata che è l'acqua benedetta che si prende dalla pila che sta in Chiesa e si mescola con il brodo o con il vino per l'amico che volete far innamorare. E dovete pregare San Vito: "San Vito, vi vengo a pregare: mi dovete prestare i vostri cani e dove... li dovete mandare per averlo sempre in mio potere." Mal che vada, lo invitate la sera di Natale gli preparate un po' di brodo, gli mettete due gocce del vostro sangue e statene certa che questa volta ci riuscite. Vi saluto commare.

Racconto inviato da: Paolo Campisi