RACCONTI - SICILIA
I purcidduzzi ri 'mpari Pauluzzu
Due maialini si contendono l'importanza di fare bella figura a fine d'anno.
Dialetto: Sicilia

I purcidduzzi ri 'mpari Pauluzzu
'nto purcili ri Mutubè vicinu Raula c'eranu ru purcidduzzi ri se' misi,unu sanatu e l'autru nò, pirchì 'mpari Pauluzzu, 'u megghiu cocu ro munnu, l'aviva'mpignatu: "Senza sanatu e pasciutu a biviruniri canigghia".
'U rossu vantava 'a so' impurtanza assemi o pisu.'U sengulu, pi cuntu so', sentiva priviligiatu: "Ju sugnu porcu finu, 'nporcu 'ccillenti ; nun sugnu comu tutti i porci, sausizza, sangunazzu e lardu...ma porcu sceltu ca' 'n tutti i maneri fazzu fari fiura a cu' mi voli.'nto fisinu ri l'urtima nuttata ri l'annu nun è ri tutti i porci essiri purtatu'n triunfu cu musica e cannili supre granni guanteri , e appressu, ricini ri metri ri sausizza, 'pi fari allegri tutti 'i 'mitati.'Sti cosi a mia toccunu a capu ri l'annu, e 'nto lucali assai rinumatu!"


Traduzione in italiano

I maialini di compare Paoluccio
Nel porcile di Mutubè vicino Avola c'erano due porcellini di sei mesi, uno castrato e l'altro no, perché compare Paoluccio, il migliore cuoco del mondo, l'aveva richiesto con impegno: "Non castrato e pasciuto con brodaglia di crusca".
Il grosso vantava la sua importanza assieme al peso. Il magro, per conto suo, si sentiva privilegiato:" Io sono porco fine,un porco eccellente; non sono come tutti i porci, salsiccia, sanguinaccio e lardo...ma porco scelto che in tutte le maniere faccio far figura a chi mi vuole. Nel festino dell'ultima notte dell'anno non è di tutti i porci essere portato in trionfo con musica e candele su grandi vassoi, e dietro, decine di metri di salsiccia, per fare allegri tutti i commensali: Queste cose a me toccheranno a Capodanno, e in un locale assai rinomato."

Racconto inviato da: Paolo Campisi