POESIE - BASILICATA
TRIVIGN MIE
Trivigno è un paesino in provicia di Potenza. L'autore, l'avvocato Giovanni Passarella, si trova lontano dal paese. Un giorno, mentre passeggia in mezzo ad una strada, immagina di vedere la vita dei vari quartieri e prova una grande nostalgia. Tommaso SALERNO PS: E' stato possibile tradurre correttamente la parola "calabasc" in "lucciola" grazie al contributo linguistico di Daniele Padula.
Dialetto: Basilicata

TRIVIGN MIE
Nun ge a lu munn nu pais megl de Trivign
ca serr, a jemar, u vosc e i tre pign.

A trivign u vogl ben pcchè ie nge so nat,
pcchè dà aggia chiant e aggia amat.

Gesù … ! M sembr d vdé li vie e ogni cas
e ai Trivignis tutt vurrie da nu vas.

Ved mienz a chiazz guagliun e guagnastredd,
chi ioc o giro tond, chi s fac a cantatedd.

E lu pnsier mie alla portlaterr è pur
ca mo è chiena d massar e mtetur.

Mienz a lu paschier lent i calabasc abboln
e par c’accarezzn i gent ca da for tornn.

Guard u rlogg, è npunt vntiquatt’or,
m fazz u segn a cruc e m sent string u cor.

M ferm e rest cu lu cappiedd man
ca me par de sent u ndinn ndinn da campan.

Furtun ! Na machn appen s’é frmat,
m grid u sciofferr: Ma che, tu si malat?

Me scost: Malat so e d fort nustalgie,
é u tropp grand amor pe Trivign mie.



Traduzione in italiano

TRIVIGNO MIO
Non c`è al mondo un paese megliore di Trivigno
con la serra, il fiume, il bosco ed i tre pini.

Voglio bene a Trivigno perché lì ci sono nato,
perché lì ho pianto ed ho amato.

Gesù… ! Mi sembra di vedere le vie ed ogni casa
e ai Trivignesi tutti vorrei dare un bacio.

Vedo in mezzo alla piazza ragazzi e ragazze,
chi gioca al girotondo e chi si fa una cantatina.

E il mio pensiero va anche alla portalaterra(rione)
che ora è piena di massari e mietitori.

In mezzo al paschiere lentamente le lucciole volano
e sembrano accarezzare le persone che dalla campagna tornano.

Guardo l’orologio e sono le ventiquattro in punto,
mi faccio il segno della croce e mi sento stringere il cuore.

Mi fermo e resto col cappello in mano
poiché mi sembra di sentire il suono della campana.

Per fortuna! Una macchina buscamente s’è fermata
e l’autista mi grida: Ma tu sei malato?

Mi scosto: Malato sono e di grande nostalgia,
è il grande amore per Trivigno mio.




Racconto inviato da: Tommaso Salerno