RACCONTI - SICILIA
Lu marimotu ri Reggiu e Missina
Quanto è strano il caso varia di poco la data e i mesi dicembre 1908 ora Gennaio 2005. Il primo colpì la Sicilia e la Calabria il secondo parte dell'Asia.
Dialetto: Sicilia

Lu marimotu ri Reggiu e Missina
I jurnala parrunu 'nti sti jorna ri quantu ha successu 'nta l'Asia e a genti si preoccupa chianci cerca comu sempi ri ajutari i puvireddi vivi a nesciri ri sa' situazioni. Pero ata sapiri ca 97 anni fa magari 'nta Sicilia e 'nte Calabrii ci fu nu scantu ri chissu.I nosci nanni ni cuntajnu ca picciutteddu parrinu si sarvau e putia cuntari quantu succiriu 'dà jurnata. Certu quannu u cuntaja era veccu, ci ricia ca na matina vistu ca' avivunu a jri a Missina 'pe vacanzi ri Natali s'appanu a 'susiri prestu e quattrue menza, e versu i cincu, acchianaru 'nto vaguni ro trenu 'pi Missina Avivunu avutu u tempu ri partiri ca' 'ntisunu comu se a terra s'annagava e poi cuminciava a girari 'ntunnu tantu ca u vaguni sciu ri li binari.Poi 'ntisinu nu scuaciu comu ri centu caruti ri acqua e nu gran bottu tantu forti ca 'nto taliari vistunu a Stazioni e tanti autri casi scumparriri 'nta terra ca si rapia. Vistunu magari i figghi ro capustazioni ciangiri e jttari vuci supa li maceri 'pi lu scantu. Poi si eru 'pi girari e taliari versu lu mari e vitturu umari jautu comu li muntagni re calabrii niuru ca arrivava a tutta velocità versu la terra agghiuttennu e jttannu 'nto so' funnu: casi, ommini, fimmini, picciriddi e armali. Quannu s'arritirau c'era ri mittirisi i manu 'nte capiddi'pi chiddu ca' si viria. A stu puntu scinneru ro vaduni e si misiru a 'dari na' manu a chiddi ca' circavanu r'aiutari i vivi e chiddi sutta i maceri. Rissi tra mia quannu finii ri sentiri: Diu ni scampi e libbiri ri si situazioni ca' su raveru ri farisilla coddu se s'arrinesci a campari.Figuramini chiddu ri ora 'nta l'Asia ca ha statu assai 'ciù forti.


Traduzione in italiano

Il maremoto di Reggio e Messina
I giornali parlano in questi giorni di quanto è successo nell'Asia e le persone si preoccupano piange cerca come sempre di aiutare i poveri vivi a uscire da questa situazione. Però dovete sapere che 97 anni fa anche in Sicilia e nelle Calabrie ci fu una paura come questa. I nostri nonni si raccontavano che un giovane prete si salvò e poteva raccontare quanto successe nella giornata. Quando lo raccontava era vecchio, ci diceva che un mattino visto che dovevano andare a Messina per le feste di natale si son dovuti alzare presto alle quattro e mezza, e verso le cinque, salirono sul vagone del treno per Messina. Avevano avuto il tempo di partire che sentirono come se la terra si cullasse e quindi un vortice furioso difatti che il vagone uscì dai binari. Poi ci fu un rumore come di cento cascate d'acqua e un boato così forte che videro la stazione e tante altre case scomparire nella terra che si apriva. Videro pure i figli del capostazione piangere e gridare sopra le macerie per la paura.Poi si girarono verso il mare e videro il mare alto come le montagne della Calabria nero che arrivava a tutta velocità verso la terra ingoiando nel suo profondo: case, uomini, donne, bambini e animali. Quando si arritirò c'era da mettersi le mani sui capelli per quello che si vedeva.A questo punto scesero dal vagone e si misero a aiutare a quelli che cercavano di aiutare i vivi e quelli sotto le macerie. Dissi tra me quando ho finito di sentire: Dio ci scampi e ci liberi di queste situazioni che sono davvero per farsela addosso se si riesce a vivere. Figuriamoci quello di ora nell'Asia che è stato molto più forte.

Racconto inviato da: Paolo Campisi