RACCONTI - LOMBARDIA
La gambarossa (Pensaniga in milanes arios)
Era una delle "pensanighe" che ci raccontavano le nonne per farci stare calmi. Psicologicamente erano un disastro ma purtroppo nella civiltà contadina la musica era questa.
Dialetto: Lombardia

La gambarossa (Pensaniga in milanes arios)
Sercià, prima de diventà la porta principal de la Feera de Milan", l'era on paes industrial con la raffineria e tucc chi mistè lì...ma prima ammò, fina ai ann 50 l'era on paes de fitaol.
On paes smezà in du con du cò. I operari eren ross e i fitaol eren paolòtt.L'era come el paes del Peppòne. Quei che se smentiven nò eren i vécc; lour pregaven el Signor ma gh'aveven paura di strii, di scinguétt e di gatt de tucc i color. I dònn gh'aveven on bordéll de fiò de curà e per fai stà bon i a faseven stremì e ghe cuntaven i pensanigh.
V'ona de questi l'era quélla de la Gambarossa.
Ghe la contaven quand gh'avevomm minga voeuia de mangià la sòlita minestra o de fà i compit.
Quand frignavomm per nient partiva la sentenza:
"Tass, mochela che se nò ghe 'riva la Gambarossa che la te porta via", e inséma ghe 'rivava anca ona quei s'giaffa in sul muss.
Che la musica chi la gh'era in tucc i cà. Nunch s'erom tucc stremì. La vegniva giò dal camin ò da la bòtola de la stanza de létt in di cà de ringhèra e forse la gh'aveva intension de portagh via.
La Gambarossa l'ha mai vista nessun e se saveva nò cos'è che la faseva, ma siccome la cognuseven tucc la pareva ona stòria vera.


Traduzione in italiano

La gambarossa (Storia in milanese arioso , cioè di provincia)
Cerchiate prima di diventare la porta principale della nuova Fiera di Milano, era un paese industriale con la raffineria e l'indotto...ma prima ancora, fino agli anni 50 era un paese di contadini.
Un paese diviso in due con due mentalità. Gli operai erano rossi (Comunisti e socialisti) e i contadini erano cattolici praticanti.Era come il paese di Peppone (Guareschi).Quelle che non si smentivano mai erano le vecchiette; pregavano il Signore ma avevano paura delle streghe, delle civette e dei gatti di tutti i colori.
Le nonne avevano un sacco di bambini da accudire e per farli star buoni li facevano spaventare e raccontavano le loro storie.
Una di queste era quella della Gambarossa.
Ce la raccontavano quando non avevamo voglia di mangiare la solita minestra e di fare i compiti.
Quando piangevamo per nulla, partiva la sentenza:
"Taci, piantala che altrimenti arriva la Gambarossa che ti porta via" e insieme arrivava anche qualche sberla sul viso.
Questa musica c'era in tutte le case. Noi bambini eravamo spaventati.
Veniva giù dal camino o dalla botola che collegava la cucina con la stanza da letto nelle case di ringhiera e forse aveva intenzione di portarci via.
La Gambarossa non l'ha mai vista nessuno e non si sapeva esattamente cosa facesse, ma siccome tutti la conoscevano sembrava una storia vera.

Racconto inviato da: Loredana Moroni