RACCONTI - SICILIA
Cu' fici, fici, dissi Pipi
E un detto che ha le sue provenienze e sta per non pensiamoci pù
Dialetto: Sicilia

Cu' fici, fici, dissi Pipi
'Nghiornu n'svia fattu una re mei e don Cola 'pi siri sinceru s'avia 'ncazzari, ma nun lu fici anzi mi stringiu 'a manu e mi rissi: cu' fici, fici, dissi pipi. A jddu 'nci putia dumannari, mi lu fici cuntari e riri chi significaja ri 'n'amicu.Stapi 'pi tuttu è finutu, nun ci pinzamu 'ciui. Pari ca sta frasi l'avissi rittu u Ginirali borbonicu Pipi, ca' vinennu 'sicilia 'pi calmari 'a rivolta ro 1820., 'pi calmari l'animi fici fari 'nproclama unni amnistiaja a tutti. A Palermu pari ca ci'avivunu statu ammazzatini ri chiddi forti 'pe strati e 'a cità avia statu culpita che bummi re borbonici. 'Pi na pocu ri jorna,'a fini però u prisidiu Napulitanu co' Loguteneti 'Degu Naselli e u Ginirali Church si nappa scappari.L'arrivu re 'nglisi e a so' mediazioni fici 'modu ca' 'nto misi ri setembri i borbonici turnaru o putiri.I Ginirali Florestanu Pipi e Petru Colletta ca' eranu considerati 2Libirali" ficiru modu ri fari ragiunari li siciliani.Ca' magari 'nti si tempi nun li putivunu virriri.


Traduzione in italiano

Chi fece, fece, disse Pepe
Un giorno ne avevo fatto una delle mie e don Nicola per essere sincero mi doveva ammazzare, ma non lo fece anzi mi strinse la mano e mi disse: chi fece, fece, disse Pepe. A lui non gli potevo chiedere, me lo son fatto raccontare e dire da un amico. Sta per tutto è finito, non ci pensiamo più. Sembra che questa frase l'avesse detta un Generale borbonico Pepe, che fu inviato in Sicilia per sedare la rivolta del 1820, per calmare gli animi fece proclamare una amnistia. A Palermo sembra che ci fossero stati grandi combattimenti per le strade e la città era stata colpita dalle bombe borboniche. Per un po' di giorni, alla fine però il presidio napoletano con il luogotenente Diego Naselli e il Generale Church son dovuti scappare. L'arrivo degli inglesi e la sua mediazione fecero in modo che nel mese di settembre i borboni tornarono al potere. I Generali Florestano Pepe e Pietro Colletta che erano considerati "liberali" fecero in modo di far ragionare il popolo siciliano. Che anche in quei tempi non li potevano vedere.

Racconto inviato da: Paolo Campisi