POESIE - SICILIA
Viduva Janca
In ricordo di una ragazza di Gela: Graziella che dopo molti anni rimasta sola con i figli, quindi vedova bianca si decise, di andare a trovare il marito per sempre. E' una lettera alla madre.
Dialetto: Sicilia

Viduva Janca
Aju lu maritu ca mi travagghia fora
e sula nun mi sentu di ristari
pirchi, mi manca tra ciatu e parola
l'amuri ca' Diu mi vosi dari.

Speru sulu ca' nun ti pisa assai
la partenza mia 'pi fora, matri
lassannuti ora sula e 'nti li guai,
doppu ca' Diu, vosi a me Patri.

Sacciu sulu ca' lu sangu so' abbivira
sta terra sempri sicca e bruciata.
Unni lu me amuri 'pi pazzu 'na sira
mi dissi: Partu, te...na' vasata.

L'unica cosa ca' pozzu fari:
T'arriccumannu sempri a lu Signuri
e nu 'beddu jornu china ri 'dinari
m'arricogghiu cu' lu me amuri.


Traduzione in italiano

Vedova bianca
Ho il marito che mi lavora fuori
e sola non mi sento di restare
perché, mi manca tra fiato e parola
l'amore che Dio mi volle dare.

Spero solo che non ti pesa molto
la partenza mia per fuori, madre
lasciandoti ora sola e nei guai,
dopo che Dio volle a mio Padre.

So soltanto che il suo sangue abbevera
questa terra sempre aridsa e bruciata.
Dove il mio amore per pazzo una sera
mi disse: parto, tieni...un bacio.

L'unica cosa che posso fare
ti raccomando sempre al Signore
e un bel giorno piena di denari
ritorno con il mio amore.

Racconto inviato da: Paolo Campisi