RACCONTI - SICILIA
Li tri casi
E' un racconto adatto ai bambini per far capire loro come si sviluppa l'uomo sino alla morte. Io l'ho letto ai nipotini fate lo stesso.
Dialetto: Sicilia

Li tri casi
C'era na' vota n'omminu 'nigu comu a punta ri 'n'augghia Era 'nigu ma avia assai vuluntà ri crisciri! Avivunu passatu na quindicina ri jorna ri quannu 'ncuminciau a campari, era già centuvinticincumila voti 'ciù ranni.Mancu paria veru.L'omminu stava 'nta na casa fatta apposta 'pi jddu. Na casa strana ca iva girannu po' paisi,curreva ri jornu e anotti si curcava 'nte matinati si suseva.A casa era bella, ma aviva 'ndifettu era o scuru comu 'nsaccu ciusu. Da rintra nun putia virriri nenti.Basta,rissi 'n'jornu doppu novi misi, l'omminu. Si misi a spingiri e eccu ca' sciu. OH, finalmenti, pozzu curriri, jucari, farimi u bagnu. Autru ca' a casa ri prima.Chista si ch'è bella, c'è u suli, i ciuri, a nivi, a genti.Tutti li matini 'pi uttant'anni riciva: che bella sta terra! era filici e cuntentu.'Ngnornu cuminciau a divintari tristi, pirchì viria ca' u suli tramuntava e vinia a notti i ciuri addivintajnu frenu, a nivi fangu e a genti murijnu. Allura 'ncuminciau a pinzari a nautra casa unni tuttu fussi bellu , l'albiri sempri virdi, i ciuri russi e a nivi janca 'Nto pinzari s'aviva addummisciutu e poi muriu.Tutti ciangivanu, iddu 'nveci rireva.C'ertu appena muriu si ci spalancaru i porti ri n'autra casa ancora 'ciù ranni.Cosi ri nun crirriri, attruavu 'npatri bonu, s'abbrazzau, 'na matri bedda, u vasau. U vsasau e 'u pigghiau 'pe manu.Ven'a gioca cu' 'niautri, ci rissi.Ma nun sugnu mortu? No, no, ci rissinu tutti si vivu 'pi sempi.Tuttu cuntentu si misi a rirriri e dissi: Chista e a vera me casa.


Traduzione in italiano

Le tre case
C'era una volta un uomo piccolo come una punta di un ago. Era piccolo ma aveva molta voglia di crescere. Erano trascorsi una quindicina di giorni da quando aveva cominciato a vivere, era già centoventimila volte più grande. Non sembrava vero. L'uomo abitava in una casa fatta apposta per lui. Una casa strana che andava girando per la città, correva di giorno e la notte si coricava, nelle mattinate si alzava. La casa era bella, ma aveva un difetto era al buio come un sacco chiuso. Di dentro non poteva vedere niente. Basta, disse un giorno dopo nove mesi, l'uomo. Si mise a spingere ed eccolo fuori. Oh!, finalmente posso correre, giocare, farmi il bagno. Altro che la casa di prima. Questa sì che è bella, c'è il sole, i fiori, la neve, le persone. Tutte le mattine per ottant'anni diceva: che bella questa terra! era felice e contento. Un giorno incominciò a diventare triste, perché scoprì che il sole tramontava e arrivava la notte, i fiori diventavano fieno, la neve fango e le persone morivano. Allora incominciò a pensare ad un'altra casa dove tutto fosse bello, gli alberi sempre verdi, i fiori rossi, e la neve bianca. Nel pensare s'era addormentato e poi morì. Tutti piangevano, lui invece rideva. Certo, appena morto gli si aprirono le porte di un'altra casa ancora più grande. Cose da non credere, trovò un padre buono, se lo abbracciò, una madre bella, lo baciò. Lo baciò e lo prese per mano. Vieni a giocare con noi, gli disse. Ma non sono morto? No, no, gli dissero tutti sei vivo per sempre. Tutto contento si mise a ridere e disse: Questa è la mia vera casa.

Racconto inviato da: Paolo Campisi