RACCONTI - UMBRIA
Meio 'l vino
Annetta, con i suoi novant'anni di memoria, dice di non ricordarsi di aver mai bevuto acqua pura... sempre colorita di buon vino. In ospedale niente vino...
Dialetto: Umbria

Meio 'l vino
"Daie, mamma! He' da beve sto goccino!"
Ma l' Annetta, novant'anne sonate nun ne voleva sape' de beve quil sorsin d'acqua che, a memoria sua, senza vino nun l'eva mae asaggiata; eva a l'ospidale che s'eva rotta n braccio e la su' fiia, la Mariettina, sprechea fiato a faie 'ntra' nt la merangula ch'eva da beve e ch'altro nn c'era.
"Si me ce mette 'l vino nco alora te la bevo e de gusto, ma cussì..."
"Scolta, t'i dottore ch'i arcontamo? Che nn he volut beve?"
"Ta lor ch'i frega? Sarà a danno mio, noe?"
"Ah, ma alora nn l'he capita che si nun beve nn t'armanneno? Camina su."
"Te l'ho ditto! Si nn c'è 'l vino nun bevo. Capirè! Che ve ce vole a trove' n goccio de vin nero!"
La Mariettina, poraccia, nn sapeva più come convincela, ma ala fin i vinne n idea:
"Oh Ma', scolta ta me."
"Me de' 'l vin nero?"
"He 'ntes' a volo! Si beve ste lagrime d'acqua vedrè che t'arport' a chesa nco na cassa de vin nero, quil bono che pare quase mostino."
L'Annetta a sto punto la guarda e i dice:
"Dè tu qui!"
Pia n mano 'l bicchiere, l'acosta ta la bocca e pu' n'asaggia 'na stilla. Ma subto l'alontana e fa n bregno e dice:
"N colpo ta lia quant'è trista!"


Traduzione in italiano

Meglio il vino
"Dai, Mamma! Devi bere questo goccino!"
Ma Annetta, novanta anni suonati non ne voleva sapere di bere quel sorso d'acqua che, a memoria sua, senza vino non l'aveva mai assaggiata; Era in ospedale poiché si era rotta un braccio e sua figlia Mariettina sprecava fiato per fargli entrare in testa ("merangula" sta per "mela" ma viene usato come metafora della testa) che doveva bere e che inoltre non c'era altro.
"Se mi ci metti anche il vino allora te la bevo e con gusto, ma così..."
"Ascolta, ma ai dottori cosa gli raccontiamo? Che non ha ivoluto bere?"
"A loro cosa importa? Sarà a mio danno, no?"
"Ah, ma allora non hai capito che se non bevi non ti rimandano? Cammina, su!"
"Te l'ho detto! Se non c'è il vino non bevo. Capirai! Cosa vi ci vuole a trovare un goccio di vino nero!"
Mariettina, poveretta non sapeva più come convincerla, ma alla fine le venne un'idea:
"Mamma! Ascoltami."
"Mi dai il vino nero?"
"Hai capito al volo! Se bevi queste lacrime d'acqua vedrai che ti riporto a casa con una cassa di vino nero, quello buono che sembra quasi mosto."
Annetta a questo punto la guarda e le dice:
"Da' qua!"
Prende in mano il bicchiere, lo accosta alla bocca e poi ne assaggia una stilla. Ma subito lo allontana, fa una smorfia e dice:
"Gli prendesse un colpo per quanto è cattiva!"

Racconto inviato da: Alessandro Giacomo Brustenghi