RACCONTI - SICILIA
A casa ro villaggiu
Ci fa capire che solo la semplicità è la vera fonte di ricchezza insieme con la gioia e l'amore nella saggezza se non esiste la vana gloria.
Dialetto: Sicilia

A casa ro villaggiu
'Nta'nvillaggiu c'era na casa ben costrita e antica.Avia na potta ranni ca rava 'nta strata principali. A potta era apetta notti e jornu. Genti assai passaia rinni jdda.'nghiornu s'arricugghieru ru prufissura 'pi sturiarini i biddizzi. Jddi 'pi nun si fari risturbari trasijnu ri na potta latirali. A genti, quannu ci iva facia silenziu 'negnu ri rispettu, e erunu cuntenti pirchì stavunu scrivennu a storia a casa. Accussi, a picca a picca i genti evitavunu ri irici e a potta cintrali cariu 'ndecadenza e na timpesta a ciuriu. Arristau sulu na sciaccazza e a strata addivintau tristi e senza ri nuddu. A genti ca' visitava a casa ja diminuennu ci ivunu sulu chiddi 'npurtanti.Co, tempu a genti simplici picca sapia re cosi belli ca' i prufissura scrivivunu.Ognunu vivia a so' vita ma ci mancaja occu cosa.
Na sira 'mpoviru vecciu senza casa si ci ju a filari rintra, pirchi tra i macci attruau a sciaccazza e trasiu.U vecciu turnau a notti seguenti cu' autri poviri vicciaredi e ammuttaru a potta ranni e a casa s'alluminau arreri comu na'vota.A matina quannu jeru 'pi rapiri a potta latirali attruvaru tanta genti ca rintra a casa s'addivittia cantannu mangiannu e ballanu.A stu puntu unu re prufissura ci rissi: Com'è pussibbili tanta 'ngnuranza? e circau ri jttarli fora ma chiddi ci rissunu a casa nun è tova.Unu re prufissura a sira s'ammucciau e quannu i vitti trasiri trasiu cu jddi e s'addivittiu e capiu ca a genti s'avia alluntantu pichì nun si rapia ciui a potta cintrali ma chidda latirali. Accussi ficiru riparari e r'apriri a potta principali, unni tutti putivunu trasiri e virriri arrei i biddizzi ri da casa, E tutti turnaru filici e cuntenti.


Traduzione in italiano

La casa del villaggio.
In un villaggio c'era una casa ben costruita e antica. Aveva una porta centrale che dava nella strada principale. La porta era aperta giorno e notte. Molta gente passava da essa. Un giorno vennero due professori per studiare le bellezze. Loro per non farsi disturbare entravano dalla porta laterale. Le persone quando ci andavano facevano silenzio in segno di rispetto, erano contenti perchè stavano scrivendo la storia della loro casa. Così a poco a poco le persone evitavano di andarci e la porta centrale cadde e una tempesta la chiuse. Restò solo una fessura e la strada divenne triste e deserta. La gente che visitava la casa andava diminuendo ci andavano solo quelli importanti. Col tempo le persone poco sapevano delle cose belle che i professori scrivevano. Ognuno viveva la sua vita ma gli mancava qualcosa.
Una sera un mendicante senza casa entrò in essa, perché tra i cespugli trovò la fessura ed entrò. Il vecchio tornò la notte seguente con altri mendicanti e spinsero la porta principale e la casa s'illuminò di nuovo. Al mattino quando andarono per aprire la porta laterale trovarono molta gente che dentro la casa si divertiva cantando mangiando e ballando. A questo punto uno dei professori disse loro: come è possibile tanta ignoranza? e cercò di gettarli fuori ma quelli gli risposero la casa non è la tua. Uno dei professori la sera si nascose e quando li vide entrare entrò con loro e si divertì e capì che le persone si erano allontanate perché non si apriva più la porta principale ma quella laterale. Così fecero riparare e aprire la porta centrale, dove tutti potevano entrare e rivedere le bellezze della casa. E tutti tornarono felici e contenti

Racconto inviato da: Paolo Campisi