POESIE - CALABRIA
L'atra matina mi 'indi iva a mari
Un sempliciotto reggino, Giufà, (personaggio comune a molti paesi del Mediterraneo) si reca sulla spiaggia a lavare una trippa e rimane estasiato dalle bellezze del luogo.
Dialetto: Calabria

L'atra matina mi 'indi iva a mari
L’atra matina mi ‘ndi iva a mari
Mi lavu ‘a tripparedda alla ribbata
Iva viatu ch’aviva chiffari
E teniva sustinuta a caminata.
Passai stramenti da la via marina:
An pettu a mia viria ‘u Mungibeddu,
‘i muntagni ‘i Trinacria e poi Missina.
Ma vui riciti chi locu chhiù beddu
i chistu ndavi o mundu, quantu sia?
U mari era carmu e ddurmentatu,
U celu pariva ’u mantu di Maria
Jeu era comu n’omu mbarzamatu.
L’unda accarizzava leggiu ‘a rina
Comu si faci cu li criatureddi,
L’aria era frisca , tralucente e fina,
e supra i mia volavunu l’aceddi.
Arbiri randi comu na muntagna,
petri e scritturi di ll’antichi genti
sciuri e coluri comu nda campagna:
era partutu e non capisciva nenti.
O Riggitanu cu tanta billizza
Ambeci mi ciangi chi non poi campari
Scialati ‘u cori e godi sta ricchizza
Cu Patraternu a ttia ti vossi rialari.

Giufà




Traduzione in italiano

L'altra mattina andavo al mare
L'altra mattina andavo al mare
per lavare una trippa sulla spiaggia
procedevo svelto perchè avevo da fare
e tenevo il passo sostenuto.
Son passato casualmente dal lungomare:
di fronte a me vedevo il Mongibello,
le montagne di Trinacria e poi Messina.
Ma voi dite che luogo più bello
di questo ce ne è al mondo, quanto sia?
Il mare era calmo ed addormentato,
il cielo sembrava il manto di Maria,
io ero come imbalzamato.
L'onda accarezzava piano la sabbia
come si fa con i fanciulli,
l'aria era fresca, trasparente e fina,
e sopra di me volavano gli uccelli.
Alberi grandi come una montagna,
pietre e scritture delle antiche genti,
fiori e colori come in campagna:
ero svanito e non capivo niente.
O Reggino con tanta bellezza
invece di piangere che non puoi vivere
rallegrati il cuore e godi questa ricchezza
che il Padreterno a te volle donare.

Giufà


Racconto inviato da: Carlo Baccellieri