POESIE - LOMBARDIA
Vas en del vas
Da Rivoltella di Desenzano (Brescia).
Dialetto: Lombardia

Vas en del vas
Sèrti dé, quan pènse a ‘ndó che só
me cate emprizunada
en de ‘n vazèt de véder trasparènt
co’ n’etichèta ensima
per dì chèl che me só.
Me möe dènter sto vas
seràt dènter de ‘n àlter e töcc du
coi querciulì blocàcc che se dèrv pö.

Quan varde chèl tòch de mond de föra
che me varda, me vé de piànzer e pröe
a tastà töt enùren co’ le mà.
De la banda de là töcc i viv bé
e me só ché ‘nseràda
sensa pudì scapà.

En bris i m’ha puciàt
en bris só nada dènter de per me,
l’è che, adès compàgn de adès, encö
no gh’è pö aria e me me cate ché
sensa gna nòt gna dé.

Strangose sèmper pö che rie matina.



Traduzione in italiano

Vaso nel vaso
Certi giorni, quando penso a come vivo
mi trovo imprigionata
in un vasetto di vetro trasparente
con sopra un’etichetta
per identificarmi.
Mi muovo dentro questo vaso
chiuso dentro un altro ed entrambi
coi coperchi sigillati che non si possono sbloccare.

Quando guardo dall’altra parte quel pezzetto di mondo
che mi guarda, mi viene da piangere e provo
a premere tutto attorno con le mani.
Dall’altra parte tutti vivono bene
ed io sono qui rinchiusa – senza poter scappare.

Un poco mi hanno obbligato
un poco mi son lasciata spingere dentro
il fatto è che, ora come ora, oggi
non c’è più aria ed io mi ritrovo qui
senza notte e senza giorno.

Aspetto disperatamente un‘alba.


Racconto inviato da: Velise Bonfante