POESIE - CALABRIA
Vogghiu mi sacciu
Giufà, il sempliciotto reggino, s'interroga.
Dialetto: Calabria

Vogghiu mi sacciu
Vogghiu mi sacciu si ssi poti amari
A fimmina chi non t'ama e non ti pensa;
Vogghiu mi sacciu si ssi po’accattari
Senza dinari o senza la cridenza.

Vogghiu mi sacciu si ssi po sanari
Senza l’aiutu di Gesù e Maria;
Vogghiu mi sacciu si ssi po’ sunari
Senza strumentu e senza fantasia.

Vogghiu mi sacciu si ssi poti stari
Senza du frittuleddi in alligria;
Vogghiu mi sacciu si ssi po’campari
Senza na picca ‘i vinu in cumpagnia.
Giufà



Traduzione in italiano

Vorrei sapere
Vorrei sapere se si può amare
la donna che non t'ama e non ti pensa;
vorrei sapere se si può comprare senza denari o senza il credito.

Vorrei sapere se si può guarire
senza l'aiuto di Gesù e Maria;
vorrei sapere se si può suonare
senza lo stumento e contro voglia.

Vorrei sapere se è possibile stare
senza due frittole* in allegria;
vorrei sapere se si può vivere
senza un pò di vino in compagnia.

Giufà

* carne di maiale cotta nello strutto.


Racconto inviato da: Carlo Baccellieri