POESIE - MOLISE
A vije du molise

Dialetto: Molise

A vije du molise
Quanne t'èzzicche a i vitre du penziere
e fòre chiagne 'u sole, zè fa' notte,
'u sanghe te ze chàtre, siè strèniere:
a vie da terre tije donde stà?
Chiàne te fiè 'li cunte: dundulèje
'u tiempe ch'è pèssate 'nnanze ll'uocchie;
n'gànne te zomp''u core:nàzzèchèje
'a ddore du Molise, che vuo'fa'?
'A vije du Molise è doce doce,
z'èllonghe pè li munti e 'ngopp'i hiume.
Ze vèdène i pèjshe fatt'è croce
e 'u core z'èddècrèje, vò chèntà.
Siènte 'nè vecchie voce che te chiame
dù' scurdèle da fonte, da li frunne.
'U suònn'è state luònghe,'nu strèfunne,
mè mò siè rémènute pè restà?
Molise,Molise: siè càrde e surrise;
me so''mbambalite de càlle, de fridde.
Molise,Molise: siè hiure e surrise,
'stu core me vàtte, te viènghe a vèscià.


Traduzione in italiano

La via del molise
Quando ti accosti ai vetri del pensiero
e fuori piange il sole,si fa notte
il sangue ti si ghiaccia,sei straniero:
la via della tua terra dove sta?
Piano ti fai i conti:dondola
il tempo ch'è passato innanzi agli occhi.
In gola ti salta il cuore :ondeggia
l'odore del Molise,che vuoi fare?
La via del Molise è dolce dolce
s'allunga per i monti e sopra i fiumi
Si vedono i paesi fatti a croce
e il cuore ti si inebria,vuol cantare
Senti una vecchia voce che ti chiama
dal buio della fonte,dalle fronde
Il sonno è stato lungo,uno sprofondo,
ma adesso sei tornato per restare?
Molise Molise:sei cardo e sorriso
mi sono stordito di caldo,di freddo
Molise molise: sei fiore e sorriso
Questo cuore mi batte, vengo a baciarti.

Racconto inviato da: da F.C. - di Giose Romanelli