POESIE - CALABRIA
Mi rissuru 'na cosa scunvorgenti
Il saggio Giufà, reggino d'oc, ha appreso una cosa che lo ha sconvolto...
Dialetto: Calabria

Mi rissuru 'na cosa scunvorgenti
Mi rissuru 'na cosa sconvorgenti:
Chi fimmini si fannu a sapunata
E poi, comu si fussi propriu nenti,
Si fannu a barba 'nta cosa scustumata.

O fimmini, chi siti la passioni mea,
Pirchi ffinditi la Maestà Ddivina?
Si Iddhu fici sciuriri la fulea
Vor diri ch’era cosa giusta e fina.

Mi rissuru che vui vi li tagghiati
E di tantu sciuriri spampanatu
Restanu si e no du pila nniracati
Chi mancu si l’accattunu o mercatu.

Vi lu ricordu ora, a stu mumentu:
“Tira cchiù nu pilu i fimmina
Ca ‘nu capu i bastimentu”,
Ma si lu pilu vui vi lu tagghiati
Non c’è spiranza e mancu sarbamentu.

Ca lu cedduzzu, si sa, voli vulari
Alla fulea quand’è bella e mpinnata:
Si esti spana, comu a me cunpari,
iddu s’affridda e mori a la scurdata.

Giufà



Traduzione in italiano

Mi hanno detto una cosa sconvolgente
Mi hanno detto una cosa sconvolgente:
che le donne si insaponano
e poi, come se fosse proprio nulla,
si fanno la barba nella cosa scostumata.

O donne, che siete la passione mia,
perchè offendete la Maestà Divina?
Se Lui ha fatto fiorire il nido
vuol dire che era cosa buona e giusta.

Mi hanno detto che voi ve li tagliate
e di tanto fiorire rigoglioso
rimangono si e no due peli striminziti
che neppure li comprerebbero al mercato.

Ve lo ricordo ora, in questo momento:
"tira di più un pelo di donna
che una corda di bastimento",
Ma se voi il pelo ve lo tagliate
non c'è più speranza e neppure salvezza.

Che l'uccellino, si sa, vuole volare
al nido quand'è bello e folto:
se è calvo, come mio compare,
lui si raffredda e muore dimenticato.

Giufà



Racconto inviato da: Carlo Baccellieri