RACCONTI - SICILIA
A parabbula ro Siminaturi
Dal Vangelo Apocrifo secondo Matteo. Apocrifo vuol dire: non riconosciuto dalla Chiesa. Questa parabola ci fa capire che se il seme cade su terra buona dara il miglior rccolto. La parola di Dio da ottimi frutti se si riceve in un cuore puroe con fede.
Dialetto: Sicilia

A parabbula ro Siminaturi
Eccu, u siminaturi a sciutu, ha pigghiatu ru pugna ri simenta e ha 'ncuminciatu a saiminari.Mentri ja ittannu a simenta, na pocu cariu 'nta strata, i passaredda ci eru e sa mangiaru. 'Nautra pocu 'menzu i cuticci e nun potturu fari i rarichi 'nta terra e nenti spighi. Ci su chiddi caruti 'ntra li spini(ca') anu suffucatu u furmentu e i vermi s'anu mangiatu. Jautri finalmenti anu carutu 'nta terra bona e chista ha ratu ottimu fruttu: unni u 60% e unni u120%.
A parabbula, doppu n'introduzioni unni veni prisintatu chiddu ca facia u siminaturi, rici comu ci finisci a simenza ca' jddu va jttannu 'nterra. Ni' fa capiri ca' se 'o postu ra simenza ci mittemu "a Parola ri Diu". Chista runa fruttu se finisci 'nte parti boni: Unni veni caputa e ascutata.
U piriidu ri siminari ni fa capiri ca 'u Signuri ni voli beni e ca' ni runa spiranza ri salvizza.


Traduzione in italiano

La parabola del Seminatore
Ecco, il seminatore è uscito, ha preso un pugno di semi e ha iniziato a seminare. Mentre spargeva i semi, un po' ne caddero nella strada, gli uccelli se li andarono a mangiare. Un altro po' cadde tra i ciotoli e non fecero le radici nella terra e niente spighe. Ci sono quelli caduti tra le spine (che) hanno soffocato il frumento e i vermi se li sono mangiati. Altri finalmente son caduti nella terra buona e questa ha dato ottimi frutti: dove il 60% e dove il 120%.
La parabola dopo l'introduzione dove viene presentato quello che fa il seminatore, dice come finiscono i semi che lui va spargendo a terra. Ci fa capire che se al posto dei semi gli mettiamo "La Parola di Dio" questa dà frutto se finisce nelle parti buone: dove viene compresa e ascoltata.
Il periodo della seminare ci fa capire che il Signore ci vuole bene e ci da speranza di salvezza.

Racconto inviato da: Paolo Campisi